Basta con la Raggi, la pazienza ha un limite: anche nell’emergenza dice e fa sciocchezze

sabato 16 maggio 12:30 - di Maurizio Gasparri
raggi

Non ne possiamo più della Raggi. Perfino in un momento così difficile per i romani, la sindaca non perde l’occasione per dire o compiere sciocchezze. Ormai la sua incapacità è talmente manifesta che sta perdendo pezzi a uno a uno, come dimostra quanto accaduto al IV Municipio con la sfiducia unanime di tutti i consiglieri della presidente Della Casa. Non un personaggio qualunque. Ma una sorta di protetta della Raggi che, nonostante la clamorosa sconfitta, vorrebbe nominare la stessa Della Casa sub commissario/delegato del Municipio interessato.

Un’operazione vergognosa

Un affronto, un atto illegittimo, una prepotenza intollerabile per impedire la quale è indispensabile l’intervento del Prefetto. Un atto gravissimo di prevaricazione della volontà democratica del territorio e che esporrebbe il Municipio stesso, probabilmente, ad atti ritorsivi da parte della stessa presidente sfiduciata. Ma alla Raggi questa operazione vergognosa non riuscirà. Ormai è talmente fuori da ogni logica la sua azione che anche in questi giorni difficili continua a fare video su grandi opere di riqualificazione urbana che, nella realtà, si traducono in grandi fallimenti.

I romani restano senza risposte

Non una risposta ai commercianti e alle categorie produttive che attendono indicazioni per ripartire. Nessun intervento per snellire le pratiche burocratiche per agevolare la riapertura di bar, ristoranti, gelaterie, estetisti, parrucchieri. Deve rispondere alle famiglie che risiedono nei popolosi quartieri romani e che non hanno avuto alcun buono spesa e posta foto di interventi di manutenzione urbana di piccole vie del centro storico come fossero strade consiliari.

Basta Raggi, la pazienza ha un limite

Di fronte a queste richieste impellenti, la sindaca fa sapere che saranno riaperte e inaugurate piste ciclabili. Come dire a chi è in difficoltà e non sa come riprendere le attività, a chi non è stato ancora erogato il prestito promesso dalle banche, a chi non ha ricevuto ancora l’assegno della cassa integrazione, di andare nel frattempo a fare una bella pedalata. Magari nei parchi, che pure aveva annunciato di restituire a rinnovato splendore e poi abbiamo scoperto essere nel degrado totale. Basta Raggi. Ogni giorno in più della sua presenza a Roma è un giorno in meno della nostra pazienza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ralph Frascino 16 maggio 2020

    Avete avuto fiducia nei 5 stelle? Adesso arrangiatevi! Peccato che non avete una specie di costituzione regionale dove raccoglindo un certo numero di firme, il sindaco si deve dimmettere and mettere il deputy sindaco finche’ si indicono nuove elezioni! Se l’havete, allora cosa aspettate di metterla in atto?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica