Troppi bambini finiscono in terapia intensiva. Londra trema: il sospetto che siano legati a Covid

martedì 28 aprile 17:29 - di Sara Gentile
bambini

Troppi bambini in terapia intensiva: arriva dal Regno Unito un nuovo allarme legato all’emergenza coronavirus. L’Nhs, il sistema sanitario nazionale inglese, ha lanciato un’allarme per l’aumento di bambini ricoverati in terapia intensiva con una sindrome che potrebbe essere legata al Covid-19. Come si legge su Dagospia i responsabili del Nhs di Londra hanno affermato: «Vi è una crescente preoccupazione per una sindrome infiammatoria correlata al coronavirus che stiamo riscontrando nei bambini nel Regno Unito. Nelle ultime tre settimane c’è stato un evidente aumento del numero di bambini di tutte le età che presentano uno stato infiammatorio multisistemico che richiede cure nelle unità di terapia intensive di Londra e anche in altre regioni del Regno Unito». La notizia è sconvolgente perché fino ad ora si era detto che i bambini erano molto resistenti al covid-19. Ma questa nuova sconcertante patologia sta ribaltando ogni tipo di studio.

Bambini con infiammazione cardiaca

Tantissime famiglie hanno portato i loro figli in ospedale. I medici hanno notato un’impennata di ricoveri per mal di stomaco, infiammazione cardiaca e sintomi gastrointestinali, quali vomito e diarrea. Di che cosa si tratta? I medici hanno confrontato i sintomi riportati dai bambini con la sindrome da choc-tossico e la malattia di Kawasaki. Combinati insieme, causano ingrossamento del cuore, febbre e problemi respiratori – tutti segni distintivi del Covid-19. Tuttavia, si legge su Libero, alcuni bimbi ricoverati non sono risultati positivi al coronavirus. Tutto ciò rende più complicata la diagnosi.

L’Nhs e la sindrome da choc-tossico

L’Nhs deve ancora fare piena luce su quali siano i sintomi. Per i medici britannici, i casi di piccoli pazienti con questa sindrome infiammatoria hanno iniziato ad emergere solo nelle ultime tre settimane. I pediatri attendono chiarimenti più specifici e di chiarire se i piccoli avevano eruzioni cutanea e febbre, due sintomi tipici della malattia di Kawasaki.

Che cos’è la malattia di Kawasaki

La malattia di Kawasaki è una vasculite, che a volte interessa le arterie coronariche, che tende a presentarsi in neonati e bambini tra 1 anno e 8 anni. Essa è caratterizzata da febbre prolungata, esantema, congiuntivite, infiammazione mucosa e linfoadenopatie.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica