Scuola, gli esami di maturità al via il 17 giugno. Ecco come si svolgeranno e come saranno valutati

mercoledì 29 aprile 18:41 - di Redazione
maturità

Finalmente c’è la conferma della data: gli esami di maturità partiranno il 17 giugno. Ad annunciarlo ufficialmente è stata il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, fornendo anche alcuni dettagli su come si svolgerà la prova e su quali saranno i criteri di valutazione.

Alla maturità niente tesina e 40 crediti per l’orale

“Sessanta saranno i crediti da cui partiranno gli studenti e 40 verranno dalla prova orale. L’esame orale comincerà su un argomento di indirizzo concordato con i professori. Ma non una tesina“, ha spiegato Azzolina, intervenendo in diretta su Skuola.net. “Chi ha fatto un percorso perfetto – ha detto il ministro – arriverà alla maturità sereno”. “L’esame – ha aggiunto – sarà la conclusione di un percorso. I crediti prima erano 40, e poi ce ne erano altri 60 legati alle singole prove. Ma il sistema non può restare così. Dunque, inverto il 40-60. Sarà una riconversione delle vecchie tabelle proporzionata ai crediti avuti negli anni precedenti”.

Ma la ripresa a settembre resta un’incognita

Per i “dettagli tecnici”, invece, bisognerà aspettare ancora. “Li daremo la prossima settimana”, ha preso tempo il ministro dell’Istruzione, che ha fornito qualche piccolo dettaglio anche sullo svolgimento dell’esame di terza media. Qui la tesina ci sarà. “I ragazzi lavoreranno insieme ai loro insegnanti, la consegneranno e poi ci sarà lo scrutinio finale”, ha detto Azzolina, affrontando poi il tema della ripresa a settembre. Ci sarà il recupero per chi non avrà superato con profitto questo anno scolastico, ma se e come si tornerà in aula resta un’incognita. Per ora, infatti, siamo ancora fermi agli auspici e ai desideri. “Ci stiamo lavorando con il Comitato di esperti”, ha spiegato il ministro, sottolineando che “a settembre a scuola si deve assolutamente tornare, vogliamo sentire la campanella nelle nostre aule. Stiamo pensando a varie opzioni, nessuno pensi non si stia lavorando”. Dunque, allo stato attuale, mancano ancora certezze.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica