“Report ci ha diffamato, la Rai prenda le distanze”: i Conservatori Europei contro Rai3

mercoledì 22 Aprile 16:08 - di Redazione

Disinformazione e servizio pubblico, ci riprovano con FdI. “Il Partito dei Conservatori e Riformisti Europei esprime forti preoccupazioni per il servizio andato in onda nella prima serata di lunedì 20 aprile su Rai 3 nel corso della trasmissione “Report”. La compagine europea di cui fa parte Fratelli d’Italia, stigmatizza un servizio a dir poco vergognoso e menzognero.  “Siamo  preoccupati  per il dibattito politico e per la nostra democrazia. E’ preoccupante  che una trasmissione del servizio pubblico trasmetta lunghi servizi contenenti ipotesi surreali. Costruite per denigrare un partito storico e rispettato sulla scena europea”.

Addirittura  descrivendolo come il “cavallo di Troia di Trump in Europa”;  e collegandolo a trame oscure e legami con ambienti discutibili, nonché il partito italiano che ad esso aderisce”. “I Conservatori e Riformisti europei – si legge- godono di un consolidato rapporto con i nostri partner negli Stati Uniti. Tra cui la prestigiosa Heritage Foundation e Atlas Network. E nel corso degli anni hanno lavorato duramente per costruire legami più forti. E  una cooperazione internazionale basata su comuni valori politici e culturali”.

La nota dell’ufficio stampa del Partito dei Conservatori e Riformisti Europei così prosegue.  Facendo chiarezza sulla trasparenza dei contributi. “Report” li aveva messi sotto una luce sinistra: : “Nel quadro delle nostre comuni attività e al fine di aiutarci a coprire costi organizzativi, la Heritage Foundation ci ha donato 12.000 euro nel 2016 e 5.980 euro nel 2017″.

” Allo stesso modo, nel 2017 Atlas Network ha effettuato una donazione di 4.442,38 euro. Una cifra complessiva quindi persino inferiore a quanto riportato nel servizio”, specifica l’ufficio stampa.

“I finanziamenti e le donazioni si trovano sul nostro sito web e su quello del Parlamento Europeo;secondo le regole previste dal nostro Statuto e secondo le norme e i regolamenti del Parlamento Europeo”.

Di qui lo sconcerto  nel vedere che “Rai 3, con la trasmissione “Report”, abbia mentito in modo ingiustificato sull’entità delle donazioni e sui nostri rapporti con presunti donatori “sospetti”. Nel tentativo di diffamare non solo il nostro movimento politico nel suo complesso, ma anche il Partito italiano che aderisce alla nostra famiglia: Fratelli d’Italia. Che fa parte dei Conservatori e Riformisti europei dal febbraio 2019. Peraltro quindi molto tempo dopo quelle regolari donazioni, immotivatamente stigmatizzate da “Report”.

“E da  allora ha conosciuto una crescita costante, non solo in Italia ma anche nel suo profilo e nella sua credibilità internazionale. Giorgia Meloni è stata attiva nel promuovere i nostri legami transatlantici. Come testimonia la sua partecipazione a una serie di prestigiosi eventi conservatori negli Stati Uniti. Il tutto mantenendo la propria totale autonomia politica, di cui Giorgia Meloni fa giustamente un vanto. Ci aspettiamo che la televisione pubblica italiana prenda le distanze da questa grossolana disinformazione offerta ai suoi telespettatori”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • claudio MARONE 23 Aprile 2020

    Avevo iniziato a vedere il servizio di Report, ma dopo pochi minuti i conati di vomito dovuti al servizio stesso mi hanno fatto cambiare canale. Falsità, ignoranza, cattiveria, sciacallaggio, meschinità, nullismo culturale e politico sono una piccola parte degli aggettivi che merita conduttore e trasmissione. Quando finirà?

  • Roberto Briganti 23 Aprile 2020

    Ripeti una BUGIA 1000 volte ed essa diventerà la verità (Lenin).
    Molti programmi televisivi hanno adottato questo concetto come un mantra.
    Cosa fanno le commissioni di vigilanza? Si dovrebbe fare pressione ossessiva innanzi tutto su queste…

  • Stefano 23 Aprile 2020

    Ma perché è ancora permesso a una rete pubblica di essere sfacciatamente l’organo di informazione della sinistra non più accettabile. È vergognoso che nessuno intervenga !!! È ripudiante è vomitevole sentire servizi contro Bergoglio con finalità chiarissime e spudorate di attaccare la destra con obiettivi Salvini è Meloni. Onestamente a me è risultato ridicolo report di questo lunedì.
    Basta !!! Basta !!!

  • Alessandro Carapelli 23 Aprile 2020

    Come al solito i COMPAGNI sapendo che se andiamo alle elezioni prenderanno una dura lezione si scagliano contro chi ha più consensi dagli ITALIANI e questi è il partito di FRATELLI D’ITALIA e loro pur di nascondere le loro malefatte spargono menzogne a destra e a manca dimostrandosi tutti dei grandissimi CIALTRONI. E una vergogna che chi continua a votarli non riesca a capire il male che stanno facendo agli ITALIANI come se chi da loro i consensi sia di un altro paese. Si dovrebbero vergognare di questo e in particolare queste affermazioni faranno rigirare nella tomba i vecchi comunisti che con le lotte hanno costruito l’ITALIA e questi la vogliono distruggere. VERGOGNA!!!!

  • franco 23 Aprile 2020

    si stava meglio quando si stava peggio . la trasmissione Report è in mano a un comunista con la evve moscia

  • Angelo De Noia 23 Aprile 2020

    Ma RAI3 è da sempre strumento politico contro chi non è PDdiota.
    La domanda è se può il servizio pubblico pagato da tutti fare queste diffamazioni su un partito politico?
    RAI3 è degli italiani non del PD! e difronte a tali menzogne e diffamazioni spero che Giorgia Meloni pretenda le scuse e poi la faccia chiudere. Questa non è democrazia!
    Il Presidente della RAI che fa dorme?
    La commissione di vigilanza che fa dorme?
    Che di vergognino.

  • paolo51 23 Aprile 2020

    E chiaro che una rete pubblica di sinistra debba denigrare gli avversari politici anche in considerazione al fatto che attualmente Giorgia Meloni e la leader più apprezzata non solo in Italia quindi il rimedio della parte politica avversa è : non puoi batterli denigrali con qualsiasi mezzo (vedi Che tempo che fa, Report, Carta bianca, Piazza Pulita) tutte trasmissioni sotto il regime di sinistra.

  • Roberto 22 Aprile 2020

    Ho voluto sforzarmi e vedere la trasmissione e fino a che punto volesse arrivare il buon Sigfrido. Una carrellata di offese e menzogne. ComplottI anti bergoglio compresi. Manco ce ne fosse bisogno! Conservatori fatti passare per neonazisti pericolosi. Un attacco politico contro Fdi e Giorgia Meloni dopo averci provato la Lega, con le loro solite assurde inchieste sui russi etc etc. Direi che ora ne abbiamo abbastanza. La censura non mi piace ma questa campagna diffamatoria deve avere fine.