Macron se la passa male: per il 65% il suo governo è incapace, per il 58% lui è un cattivo presidente

mercoledì 29 aprile 9:26 - di Giorgio Sigona
Macron

Il governo Macron crolla nei sondaggi. Dopo il fumo negli occhi dei “discorsi alla nazione”, i francesi hanno preso atto che il governo naviga a vista. Per il 65% dei cittadini, l’esecutivo di Parigi «non è all’altezza della situazione» dall’inizio della crisi sanitaria da Coronavirus. Un tasso percentuale che non è cambiato rispetto al mese scorso. E il 62% del campione interpellato non ripone fiducia nel governo e nella sua capacità di gestire l’allentamento delle restrizioni a partire dall’11 maggio. È quanto emerge da un sondaggio Odoxa CGI per France Inter, l’Express e la stampa regionale.

Macron impopolare, la presenza in tv comincia a stancare

Per il 58% Macron è un cattivo presidente, contro il 42% di opinione contraria. Il premier può contare su percentuali leggermente più positive, con una crescita di 5 punti dei consensi ad aprile e di 11 punti in due mesi, ma resta perlopiù impopolare (53% contro 46%). Con il passare dei giorni, però, il dato potrebbe peggiorare, come sta avvenendo in Italia. Dopo le prime settimane di presenza mediatica, i fatti “condannano” chi opera scelte sbagliate. Non a caso, come dimostrano i dati diffusi da Piepoli, per Conte «è stato alto nel gradimento, ma l’ultima prestazione può pesare di -5%».

Il governo prepara l’uscita dal lockdown

Il governo francese cerca di correre ai ripari. L’11 maggio riapriranno in Francia tutti i negozi, con clienti distanziati di almeno un metro l’uno dall’altro. Gli asili nido, gli asili e le scuole elementari usciranno dal lockdown «su base volontaria e in modo graduale», con un numero di bambini e allievi limitato. Bar e ristoranti invece rimarranno chiusi almeno fino a fine maggio, quando si prenderà una decisione su una loro eventuale riapertura il 2 giugno. Ma altre misure per la fine del confinamento saranno definite in modo diverso regione per regione, in funzione dei contagi e dei posti negli ospedali a livello locale. In un intervento all’Assemblea nazionale, il premier Edouard Philippe ha precisato anche che il telelavoro dovrà proseguire «ovunque sia possibile, almeno nelle prossime tre settimane».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica