La regina Elisabetta parla agli inglesi: “Siamo sempre noi. E vinceremo ancora”

lunedì 6 aprile 17:08 - di Redazione
regina elisabetta

Straordinario il discorso alla nazione della regina Elisabetta. I valori dell'”autodisciplina” e della “determinazione” al centro del discorso della regina Elisabetta ai sudditi del Regno Unito. Lo sconvolgimento legato al coronavirus rappresenta un “tempo di sfida”, per le incertezze economiche di molti e i cambiamenti forzati nella vita quotidiana. La regina rimarca la speranza che “negli anni a venire potremo essere orgogliosi per come avremo risposto alla sfida” e che coloro che “verranno dopo di noi potranno dire che questa generazione di britannici è stata forte come qualunque altra”.

La regina sottolinea l’autodisciplina del popolo inglese

Nelle parole di Elisabetta, inoltre, la convinzione che “le qualità di autodisciplina, di tranquilla e positiva determinazione e di comunità d’intenti ancora caratterizzano questa nazione”. “Siamo in un momento che so essere sempre più difficile per la vita del nostro Paese, un momento di sconvolgimento, che ha portato dolore ad alcuni, difficoltà economiche a molti e ad enormi cambiamenti nella vita di tutti”. Queste le parole pronunciate in apertura del suo discorso alla nazione – il quarto in 68 anni di regno – dalla regina Elisabetta nel messaggio in tv.

La regina rimarca: “Vinceremo noi”

“Stiamo affrontando insieme questa malattia e voglio assicurarvi che, se resteremo uniti e determinati, vinceremo noi“. E’ uno dei passaggi del discorso della regina, sottolineando come “in questo momento ci troviamo insieme a tutte le nazioni nel mondo in questa sfida comune, usando i grandi progressi della scienza e la nostra compassione. Avremo successo e questo successo appartiene a ognuno di noi”.

Orgoglio nella vittoria a questa sfida

Una volta conclusa l’emergenza tutti “dovranno poter essere orgogliosi di come hanno risposto a questa sfida”. E’ uno dei passaggi centrali del discorso alla nazione della regina Elisabetta. “L’orgoglio in chi noi siamo non fa parte del nostro passato, definisce il nostro presente ed il nostro futuro”. In futuro bisognerà pensare che “i britannici di questa generazione sono stati forti come non mai, con l’autodisciplina, con la determinazione e con l’empatia, che ancora definiscono il Regno Unito come nazione”.

La sovrana è in autoisolamento in Scozia

La sovrana, 93 anni, da settimane in autoisolamento in Scozia, ha sottolineato che questo orgoglio nell’identità britannica è dimostrato dal modo in cui il popolo si è unito. In particolare intorno agli operatori sanitari, che vengono applauditi ogni giovedì sera. “I momenti in cui il Regno Unito si unisce per applaudire i suoi lavoratori del settore sanitario saranno ricordati come un’espressione del nostro spirito nazionale – ha detto -. E il simbolo sono gli arcobaleni disegnati dai bambini”.

“Verranno giorni migliori”

Questo, ha aggiunto, è il momento della compassione. “Nel Commonwealth ed in tutto il mondo abbiamo visto storie commoventi di gente che aiuta gli altri, consegnando pacchi di cibo e medicine, controllando i vicini o convertendo le imprese per aiutare i soccorsi”. “Torneranno giorni migliori”. La regina Elisabetta d’Inghilterra ha concluso con un tono di ottimismo i quattro minuti del suo discorso alla nazione. “Saremo di nuovo con i nostri amici, saremo di nuovo con le nostre famiglie, ci incontreremo di nuovo”, ha detto la sovrana 93enne.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica