Inps, Urso: “Se gli hacker non c’entrano, perché tirarli in ballo coinvolgendo il Copasir?”

giovedì 2 aprile 16:29 - di Redazione

Hacker sì, hacker no. Non è uno scherzo. Sul blocco del sito dell’Inps è giallo dopo che il governo, Conte in persona, ha scomodato l’attacco degli hacker per giustificarsi.

Urso: gli hacker? Se non c’entrano è gravissimo

“Se, come sembra, il blocco della piattaforma digitale dell’Inps non sia dovuto ad un attacco hacker ma solo ad una macroscopica inefficienza, credo che qualcuno debba spiegare molte cose. E perché abbia diffuso in modo improprio un allarme di così tale ampiezza. Che ha coinvolto il Copasir e quindi il Dis, (sistema di informazione sulla sicurezza), su un aspetto così sensibile e importante”. A dirlo è Adolfo Urso vicepresidente del Comitato parlamentare per la sicurezza.

“Conte è un irresponsabile”

“È irresponsabile – continua l’esponente di Fratelli d’Italia – averlo fatto tanto più che gran parte degli esperti aveva subito escluso questa possibilità”. Insomma una bufala.  ”Ma sarebbe ancor più grave – prosegue Urso –  che questa fake news fosse stata deliberatamente alimentata solo quale paravento di una palese inefficienza del sistema. E di chi avrebbe dovuto programmare il servizio a cui l’Inps era stato in tempo delegato. Chiunque l’abbia fatto dovrà stavolta assumersi le proprie gravi responsabilità”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Roberto Crescentini 2 aprile 2020

    io per recarmi al lavoro devo firmare un’autocertificazione. Se domani mi fermano gli dico che un hacker si é impadronito del mio navigatore che mi ha dirottato a km dal mio studio. Secondo voi me lo becco il penale?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica