Bellanova insiste: «Gli immigrati in Italia servono». Meloni: «Avete gettato la maschera»

lunedì 6 aprile 14:20 - di Aldo Garcon
Bellanova

Anche in queste settimane terribili, la sinistra non rinuncia al progetto di aprire le porte agli immigrati. Dopo Giorgio Gori  anche Teresa Bellanova insiste nel dedicare le sue energie agli immigrati. «Avere una norma che sbatte fuori le persone è sbagliato; averla adesso, in questo momento, è doppiamente sbagliato», dice il ministro dell’Agricoltura in collegamento con Circo Massimo, su Radio Capital.

Bellanova: «Abbiamo bisogno degli immigrati»

Poi ribadisce: «Noi abbiamo bisogno degli immigrati per portare avanti anche il normale funzionamento della catena alimentare. E anche perché questi processi o li regola lo Stato o la mafia. E io voglio che sia lo Stato». La renziana rincara la dose  e svela anche l’imminente incontro con i rappresentanti della diplomazia romena: «Nel Nord c’erano tanti lavoratori dell’Est nelle campagne per la raccolta e, nonostante il corridoio verde europeo, non si vogliono spostare. Oggi incontrerò l’ambasciatore romeno per parlarne».

Meloni: «Ecco il progetto»

Parole che non sono sfuggite a Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia ha scritto sul Fb un post:«Secondo voi, quale geniale proposta ha presentato il Ministro Bellanova per risolvere il problema della mancanza di manodopera per la raccolta nei campi? Reintrodurre i voucher? Utilizzare i percettori (chi è in condizioni) del reddito di cittadinanza? Ovviamente no. La proposta della Bellanova è una bella Sanatoria per regolarizzare migliaia e migliaia di immigrati clandestini. Ma è possibile che per la sinistra, qualunque cosa accada, c’è sempre una scusa per favorire l’immigrazione illegale?».

La proposta di Gori

Nei giorni scorsi aveva fatto discutere la proposta di Giorgio Gori. In un tweet il sindaco Pd di Bergamo aveva invocato un decreto flussi.  «Nell’agricoltura italiana – spiega – lavorano 400mila lavoratori stranieri regolari, il 36% del totale, la maggior parte dei quali rumeni. Quest’anno non arriveranno. Chi raccoglierà gli ortaggi e la frutta? Servono almeno 200mila lavoratori extracomunitari. Serve subito un decreto flussi».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Anna 10 aprile 2020

    Vorrei dire alla signora bellanova 2 cosette prima sono pugliese del Tarantino poi ho anche lavorato come bracciantezza agricola .questo pensiero che mancano braccia all’agricoltura e pura mancanza di informazioni e soprattutto disinteresse verso la categoria ,quella formata dai nativi. IO CITTADINA ITALIANA DEVO ANDARE AD UNA QUALSIASI AMBASCIATA STRANIERA IN ITALIA PER FARMI FARE PERMESSO DI SOGGIORNO .SOLO QUESTO È IL MODO PER NOI ITALIANI DI POTER ESSERE ASSUNTI E SCHIAVIZZATI IN UNA QUALSIASI AZIENDA DEL TERRITORIO. ecco cosa mancano in agricoltura schiavi! Ci mettono a pecoroni a cominciare dai sindacati allo stato centrale, quando lo fanno I PADRONI ormai il vasetto della vasellina e finito Buongiorno cara signora amica della casta credo e siamo nella merda fino alla cima dei capelli. Una coscienza c’è l’avete? ?Una ex lavoratrice onesta.

  • leo 8 aprile 2020

    pazzesco… ci hanno chiuso in casa per fare in modo che questo maledetto virus non si diffonda per salvare i nostri anziani e non solo, e questi ancora parlano di migranti da far venire nel nostro paese come se nulla fosse accaduto… roba da pazzi, il dio denaro non ha limiti per questa gente… se continueranno con questa politica il nostro paese non si salverà da una guerra civile…

  • roberto briganti 7 aprile 2020

    E’ logico che i sinistri invochino la regolarizzazione di migliaia di clandestini e appena possibile li faranno votare, poiché è l’ UNICO MODO CHE HANNO PER CONTRASTARE IL CENTRODESTRA che sempre più Italiani stanno abbracciando.
    E’ il Grande Disegno del Gruppo Bilderberg….paradosso: il grande capitale che amoreggia con le sinistre…

    Viva l’Italia

  • GIUSEPPE MOSCHETTO 7 aprile 2020

    SE LA MINISTRA VUOL FARE DEL BENE PER L’ITALIA, SE NE TORNI A CASA!!!!

  • Riki 7 aprile 2020

    Pagate giusto l’italiano e vedi che la manodopera si trova…

  • DAVIDE DI MATTEO 7 aprile 2020

    Buonasera,
    possibile che proprio da sinistra c’è questa volontà di creare aree ghetto? mi spiego :i lavori come quelli dei raccoglitori non devon essere svolti dai migranti. quello che sarebbe opportuno fare ,in un mondo ideale, sarebbe elevare le condizioni economiche e di tutela anche per quei lavoratori. e a quel punto non vedo perchè non possa essere anche quello un lavoro normale come tanti altri. il ricorso voluto alle fasce più deboli è fatto solo nell’interesse di pochi a scapito dei molti.
    ma c’è di più . in un momento come questo certo nessuno vede di buon occhio l’arrivo a frotte di persone senza controlli sanitari ,senza dimora e cosi via.
    Inoltre mi chiedo :ma tutti i percettori di reddito di cittadinanza che fanno ?si schifano di alzarsi dal divano e andare a lavorare? oppure penso ai carcerati ,che vogliono uscire dalle carceri, per i quali lo stato ,a fronte di lavori eseguiti ne paga pure contributi ..quelli non possono fare i raccoglitori? insomma signora Bellanova , non è creando altre sacche di sfruttati che risolleviamo il paese , ma piuttosto ottimizzando al massimo le risorse per altro già pagate dai contribuenti.

  • tommaso bisi griffini 6 aprile 2020

    anche il latte e i suini che arrivano dall’ europa sono immigrati . Quindi facciamoli entrare liberamente a discapito dei nostri allevatori.

  • EDI MEDICA 6 aprile 2020

    Nata a Ceglie Messapica nel 1958, abbandona gli studi dopo la licenza di terza media per andare a lavorare nei campi. Giovanissima, entra nelle organizzazioni sindacali dei braccianti e si impegna contro la piaga del caporalato. Nel 1988 diventa segretaria provinciale della Flai Cgil (Federazione Lavoratori Agroindustria) e nel 1996 segretaria provinciale della Filtea Cgil (Federazione italiana Tessile Abbigliamento Calzaturiero). Nel 2008 entra per la prima volta alla Camera dei deputati nelle file del Pd, nel 2016 diventa viceministro dello Sviluppo Economico nel governo Renzi e poi Gentiloni.Detto questo detto tutto, un analfabeta alla direzione di un dicastero

  • Paolo Sardi 6 aprile 2020

    Forse per la ministra Bellanova è più naturale vedere delle persone di colore a lavorare nei campi. D’altra parte l’immigrazione clandestina è fatta apposta per importare schiavi, secondo il loro modo di intendere l’economia.

  • roberto bassi 6 aprile 2020

    abbiamo bisogno di 400000 operatori? quanti sono i percettori del reddito di cittadinanza? gli operatori li abbiamo in casa….fategli alzare il culo dal divano e mandateli nei campi!!!!! non mi sembra una cosa così complicata….

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica