Alla faccia della solidarietà, vergognoso insulto di Die Welt all’Italia: “Aspettano i soldi della Ue per la mafia”

giovedì 9 Aprile 13:19 - di Chiara Volpi
Bandiere a mezz'asta a Palazzo Chigi foto Ansa

Ci risiamo. Per occultare l’immagine arcinota nel mondo del tedesco inflessibile e autoritario, un importante quotidiano tedesco di stampo conservatore come Die Welt passa al contrattacco e, nascondendo il pelo del lupo cattivo sotto il manto dell’agnello sacrificale, rispolvera il logoro prototipo dell’Italiano spaghetti, pizza, mandolino e mafia. Un insulto inaccettabile, quello lanciato dal giornale di Berlino contro l’Italia, che nell’interminabile diatriba coronabond sì, coronabond no, imposta dall’Europa germanocentrica con l’ausilio in prima linea della ricca Olanda, sferra un ulteriore colpo sotto la cintura. L’appuntamento sul ring dell’eurogruppo è per oggi pomeriggio alle 17. Ma queste premesse non lasciano presagire nulla di buono…

Die Welt, inaccettabile insulto: “L’Italia aspetta i soldi di Bruxelles per la mafia”

Un’accusa pesante, quella mossa dal quotidiano tedesco, che praticamente lancia il sordido messaggio secondo cui l’Italia apsetterebbe i soldi di Bruxelles per conto della mafia. O da utrilizzare con metodi mafiosi. Se non addirittura da devolvere ai boss. Un insulto gravissimo a cui il ministro degli Esteri Di Maio replica con un poco esaustivo: «Vergognoso», seguito da un canonico: « Berlino si dissoci». Intanto, però, nessuna presa di distanza: una dichiarazione di estraneità rispetto a insulse allusioni, ancora non arriva.  Di più: per giustificare quanto asserisce, Die Welt scrive anche: «I paesi dell’Unione europea dovrebbero certamente aiutarsi a vicenda nella crisi per il coronavirus. Ma senza alcun limite? E senza alcun controllo?

Ed è solo uno dei passaggi offensivi contenuti nell’articolo…

Poi la sciabolata al cuore del Belpaese: «In Italia, la mafia sta solo aspettando una nuova pioggia di soldi da Bruxelles». Ed è solo uno dei passaggi offensivi contenuti nell’articolo che Die Welt dedica alla crisi coronavirus e alle ricadute della vicenda in ambito Ue. Il titolo scelto dall’edizione online, poi, è tutto un programma. Eloquente sin dalle prime battute in cui invita “Frau Merkel” a non fare passi indietro: «Non ceda», è l’esortazione rivolta alla cancelliera. «La solidarietà è un importante valore europeo. Ma anche la sovranità nazionale e la responsabilità dei politici di una nazione nei confronti degli elettori dei rispettivi paesi è altrettanto fondamentale», si legge.

L’appello alla Merkel del quotidiano tedesco: “Non faccia passi indietro”

Già, perché secondo Die Welt, l’eventuale varo dei coronabond potrebbe provocare «una gigantesca perdita di miliardi per i contribuenti tedeschi». Non è scontato poi l’effetto auspicato per economie di paesi come l’Italia: «Politici e economisti sono divisi». Poi, il passaggio che dà per conseguenziale l’auotomatica associazione Italia=mafia. Con Die Welt che afferma: «In Italia la mafia è un fenomeno di portata nazionale e sta solo aspettando una nuova pioggia di soldi da Bruxelles». Le risorse europee destinate a Roma, si legge, dovrebbero essere spese «solo per la sanità e naturalmente gli italiani dovrebbero essere controllati da Bruxelles e dimostrare l’uso appropriato del denaro. I principi essenziali dell’Unione Europea devono continuare ad essere applicati anche nella crisi del coronavirus». Con buona pace della pandemia che uccide. della solidarietà europea. Della diplomazia e del rispetto tra gli Stati che la compongono…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Paolo Ferlini 9 Aprile 2020

    Ma siamo proprio sicuri che le mafie (in primo luogo l’Andrangheta calabrese) non abbia già colonizzato l’austera Germania? Siamo proprio sicuri che la corruzione non esista nel sistema tedesco? Vedi situazione delle varie casse dei Lander che hanno dato denaro ad amici degli amici peggio del MpS.
    Di una cosa siamo sicuri che sanno nascondere bene la polvere sotto i tappeti.

  • FRANCO ZANINI 9 Aprile 2020

    Finita la crisi,visto il comportamento sprezzante e offensivo da parte delle Nazioni piu’ ricche,oriniamo le idee e con cala e raziocinio prepariamo una bella”Italexit” che ridia dignità al Paese alla Nazione Italia anche a costo di grandi sacrifici che ,per questa nobile causa,gli italiani sapranno affrontare!

  • amedeo ragni 9 Aprile 2020

    è vergognosi noi italiani un popolo invidiato in tutto il mondo abbiamo tutto cultura ,alimenti tutto ma abbiamo del figli di puttana di politici vigliacchi il pd la sinistra italiana che vewnderebbero anche le loro madri,i nazisti tedeschi un popolo di animali barbari da sterminare non degni di nominare l,italia devono pulirsi la bocca con la candegina quando nominano l’italia questi crucchi di merda pagassero i danni della prima e seconda guerra mondiale e la riunificazione delle due bestie germaniche,se fosse per me il popolo tedesco insieme ai maiali dei politici italiani pd leu eccc li manderei al macello, fuori da questa unione di barbari delinquenti w l’italia.