Scanzi sfotte chi prima chiamava deficienti: “E’ vero, ho negato il coronavirus ma non ero l’unico”

sabato 28 Marzo 12:25 - di Redazione
“Siete deficienti, il coronavirus è innocuo”, diceva Andrea Scanzi solo un mese fa (video). Un messaggio agghiacciante, nei giorni in cui in Italia si contavano i primi malati. Quel video, ritornato in circolo dopo le recenti apparizioni dello stesso giornalista del “Fatto” in veste di “esperto”, in tv, è la prova provata di come in Italia i “pontificatori” restino impuniti.
Andrea Scanzi, però, ieri si è difeso con una singolare tesi: “Così facevano tutti”. Prendendosela, ovviamente, con la destra. Se la ride, Scanzi. Beato lui.

Scanzi e la difesa (da ridere)

“Mi fa molto ridere (sì, ridere) che negli ultimi giorni la destra più sottosviluppata, quel che resta del renzismo e i “giornalisti” più dissestati abbiano ritirato fuori la mia diretta del 25 febbraio. Di cui già tante volte avevo parlato e per la quale miliardi di volte ho già chiesto scusa (per le parti sbagliate o decisamente poco profetiche). Oltretutto sta girando un video tagliato in maniera criminale, e i titoli che lo accompagnano sono comicamente diffamanti e falsi. Poraccitudine allo stato brado”. Secondo il giornalista del quotidiano di Travaglio, “la verità è che nessuno oggi potrebbe attaccarmi, perché tutti (o quasi) a febbraio dicevano e pensavano quelle cose. A partire da Salvini (il 27 febbraio, due giorni dopo il mio video). E il fatto che ora gli ultrà Salviniani mi insultino con toni da minorati eunuchi dimostra che per essere salviniani non serve essere idioti, ma per essere ultrà salviniani è proprio un requisito basilare”.

 Mal comune, mezzo gaudio

Ancora offese, dunque, come quando dava dei “deficienti” a coloro che si stavano preoccupando per il coronavirus. Poi Scanzi parte con una lunga serie di “sottovalutatori” eccellenti. “Ci siamo cascati tutti.S oprattutto: fare polemiche sulla sottovalutazione (di tutti), oggi, a che serve? Immagino solo a vendicarsi di un avversario…”.

Poi, per capire il clima di febbraio, Scanzi posta un video in cui parlano Conte, Speranza e Burioni. “Burioni. Quello che oggi dicono: “eh, lui sì che aveva previsto tutto!”. Ma col cazzo, ragazzi. Proprio no. Guardate il video“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • egidio giorato 29 Marzo 2020

    BASTA CHE TI GUARDI ALLO SPECCHIO