L’ira di Del Debbio in tv: «Imbecilli, non rompete i cogl**ni, vi devono chiudere nelle gabbie» (video)

venerdì 20 marzo 16:20 - di Sara Gentile
Paolo Del Debbio

«Dovete stare a casa». Paolo Del Debbio nel corso della puntata di Dritto e Rovescio trasmessa su Rete4 ha parlato di tutte le trasgressioni compiute in questi giorni da molti italiani. L’alto numero dei morti e dei contaggi sembra non scoraggiare. Molti invece di rimanere a casa gironzolano per le città, giustificandosi con false motivazioni. I casi sono tantissimi. E nel grande mosaico italiano delle autocertificazioni che spiegano l’allontanamento da casa, spunta anche qualche assurda giustificazione. Certo la fantasia non manca a giudicare dalle motivazioni raccolte dalle forze dell’ordine. Dopo il Dpcm del 9 marzo che vieta gli spostamenti se non per esigenze di lavoro, motivi di salute, visite mediche, acquisto di beni di prima necessità. E le multe fioccano. 

Del Debbio contro i furbetti del coronavirus

Dopo aver mandato in onda un filmato che riassumeva i casi più eclatanti riscontrati negli ultimi giorni, Del Debbio ha attaccato i “furbetti” del coronavirus, quelli che si ostinano a non voler restare in casa esponendo a gravi pericoli l’intera cittadinanza: «Dovete stare a casa… ma io dico no, ma che vi inventate? Gente vestita di tutto punto che dice “vado a correre” con la cravatta… Cioè state lì, state boni… e non rompete i cogl**ni insomma! Non è che c’è da dirvi altro (…) Per tutti è un momento di sacrificio… ma ca**o – troppe parolacce – vogliamo mettere questo sacrificio con quello che hanno fatto altre persone in altre epoche per tirar su questo Paese? Che vuoi che sia stare a casa? Meglio lì o in un ospedale?”». Il conduttore non solo appoggia in pieno controlli serrati ma chiede, anzi, che le multe siano più severe: «Aumentino le multe, li prelevino e li mettano nelle gabbie!». D’altronde, dice ancora Del Debbio, la punizione sembra l’unica strada per far rispettare le norme del decreto, visto che «senza sanzione certi imbecilli non capiscono».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Matteo 20 marzo 2020

    Non chiamateli “furbetti” ma con il loro vero nome: DEMENTI

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza