L’epidemia in Italia arriva da Wuhan tramite qualcuno che viaggiò in Baviera tra il 24 e il 26 gennaio

mercoledì 11 Marzo 15:46 - di Redazione
l'epidemia

L’epidemia di coronavirus che abbiamo scoperto solo il 21 febbraio è con tutta probabilità “partita da qualcuno che si è infettato in Germania intorno al 24, 25 o 26 di gennaio”. Sarebbe questo il famoso paziente zero che poi è venuto nel Lodigiano dove ha seminato l’infezione. Lo ha fatto del tutto inconsapevolmente. O perché completamente asintomatico o perché ha scambiato i sintomi di Covid-19 per quelli di una normale influenza.

La teoria rimanda al primo focolaio in Baviera

Una teoria, spiegata dall’infettivologo Massimo Galli, che risolverebbe il giallo internazionale del ‘paziente zero’ e che è al centro di uno studio italiano in corso di pubblicazione. Tutti gli indirizzi scientifici raccolti – sottolinea il primario all’ospedale Sacco di Milano – permettono di ipotizzare una ‘pista genetica’ che porta dritta al focolaio di coronavirus scoppiato in Baviera. Focolaio scoppiato dopo che un’impiegata cinese dell’azienda Webasto aveva partecipato a un meeting di lavoro a Monaco.

“Allora asintomatica (i primi malesseri legati alla positività scoperta in seguito li ha accusati nel viaggio di ritorno), durante la permanenza in Germania la donna ha contagiato un collega bavarese all’origine di quello che il mondo della ricerca ha già confermato come “il primo focolaio Covid-19 d’Europa”. E’ da lì che il contagio sarebbe arrivato in Italia.

Lo studio sarà pubblicato

Il lavoro “per il quale abbiamo già fatto richiesta di pubblicazione” riunisce tutti i dati emersi nelle scorse settimane. Elementi frutto delle indagini scientifiche partite non appena sono diventati noti i primi casi italiani di nuovo coronavirus nel Nord Italia. “Si tratta – precisa Galli – dell’analisi filogenetica delle sequenze di Sars-CoV-2 ottenute dai virus isolati da noi all’università degli Studi – ospedale Sacco di Milano, dal San Raffaele e dall’Istituto superiore di sanità”.

Cinque preziosissime miniere di informazioni sulla possibile origine del ‘ceppo nostrano’ del patogeno della Covid-19, che indicano l’esistenza di un unico cluster di cui fanno parte “le nostre sequenze, due sequenze tedesche, una finlandese, una brasiliana e una messicana”, elenca l’infettivologo.

Ebbene, “alla base di questo ramo c’è la famosa sequenza isolata a Monaco di Baviera dalla persona infettata dalla collega che arrivava da Shanghai”. La donna, è stato ricostruito successivamente, aveva avuto contatti con i genitori che vivono nell’epicentro dell’epidemia nata a Wuhan. L’origine cinese del virus è quindi confermata, ma il contagio sarebbe sbarcato in Italia ‘triangolando’ via Germania. Portato nel Lodigiano da un italiano recatosi in Baviera e poi rientrato, oppure da un tedesco che ha viaggiato nella zona.


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *