La Borsa crolla, lo spread vola, il governo guarda. Ignorati gli allarmi dell’opposizione

9 Mar 2020 10:49 - di Robert Perdicchi

La Borsa crolla, lo spread vola, il governo resta a guardare. Tutto previsto, purtroppo, dalle opposizioni, a cui si chiede un contributo costruttivo ma di cui poi si ignora qualsiasi indicazione. Come quella che era arrivata da Giorgia Meloni, prima di tutti: “Chiudete la Borsa per evitare speculazioni“. A cui si erano uniti Matteo Renzi, che non sta all’opposizione (ma quasi…), quindi Salvini, Tajani e l’intero centrodestra.

Speculatori scatenati in Borsa

Il coronavirus, dunque (ma anche la crisi petrolifera) affossa Piazza Affari con il Ftse Mib che è arrivato a perdere anche oltre l’11%. Al momento l’indice è a quota 18,558 con un calo del 10,78%. Vola anche o spread tra il nostro Btp e il decennale tedesco che si attesta sopra quota 210 punti (al momento a 212 punti) con un balzo di circa il 20 % rispetto alla chiusura di venerdì scorso. Il rendimento del nostro decennale sale così all’1,28%.

L’allarme della Meloni

“Il decreto Coronavirus è stato gestito malissimo. Dopo aver scatenato il panico tra i cittadini evitiamo di scatenare il panico pure tra gli investitori”. Queste le parole pronunciate due giorni fa da Giorgia Meloni, come molti preoccupata dalla fase difficilissima che il Paese sta attraversando. Meloni aveva esortato il governo a chiudere la Borsa oggi, lunedì nero, per motivi previdibilissimi. “Ora adotti tutti i provvedimenti possibili per impedire che la speculazione finanziaria metta in ginocchio la Nazione. Valuti se sospendere le contrattazioni di borsa per dare modo di metabolizzare gli ultimi provvedimenti e frenare i comportamenti più irrazionali”.

Di certo vanno vietate in questa fase le vendite allo scoperto – aveva detto ancora la Meloni –. Ossia lo strumento con cui pochi cinici e razionali speculatori possono fare fortuna sulla legittima irrazionalità dei piccoli investitori. Inoltre gli organismi di vigilanza e l’intelligence, ognuno per le proprie competenze, siano attivati immediatamente. Per monitorare le principali operazioni e scongiurare azioni che possano pregiudicare gli interessi strategici nazionali. Il contagio del virus va giustamente contenuto, ma va fermato anche il contagio della paura e della speculazione”.

Le vendite allo scoperto in Borsa

Il principale strumento di speculazione è proprio quello indicato dalla Meloni, la vendita allo scoperto (o short selling). Una scommessa sul futuro crollo di un prezzo. In pratica, la vendita di un bene che non si possiede realmente, nella speranza che il prezzo scenda così da riacquistarlo in futuro a un prezzo più basso e ottenere un profitto. Pane per i denti degli sciacalli del mercato. Da vietare, subito.

E Renzi: l’avevo previsto anche io

“Tra le altre cose nel video di ieri avevamo chiesto di anticipare provvedimenti sull’apertura odierna della Borsa
di Milano. E antipatico dire ‘L’avevamo detto’. Ma anche gli antipatici talvolta andrebbero ascoltati…”. Lo ha scritto su Twitter Matteo Renzi, postando il video di ieri sull’emergenza Coronavirus. “Cosa aspetta Consob ad attuare lo short ban? E Gualtieri dov’è di fronte a una Borsa preda di speculazioni previste e prevedibili? Si intervenga subito come auspicavamo da giorni!”. Così sui suoi canali social, anche Giulio Centemero, deputato della Lega e capogruppo in Commissione Finanze alla Camera per il partito di Matteo Salvini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Cecconi 9 Marzo 2020

    Pertanto prego ancora di scrivere e/o parlare cum grano salis. Non servono parole gettate al vento e lo affermo come votante di FdI e ammiratore della Signora Meloni che sino a l’altro ieri aveva commesso soltanto errori men che veniali ma la dichiarazione di ieri non potevo lasciarla senza critica in quanto mi sarei comportato come un pessimo elettore del partito.
    Un’ultima raccomandazione: i conti vanno presentati alla fine così come avviene se ci rechiamo in un ristorante.

  • Cecconi 9 Marzo 2020

    Ed ora facciamo un minimo di chiarezza sugli indici azionari con dati precisi e non inventati o sognati.

    Rispetto ai minimi della correzione verificatisi il 27/12/2018 gli indici da quel momento hanno avuto il seguente andamento:

    Indici italiani:
    FTSE MIB: +42,25%; FTSE ALL Share: +40,51%:

    Indici esteri:

    DAX (Germania): +34,209%; EUROSTOXX 50 (Europeo): +32,96%;

    DJIA (USA): + 36,182%; S&P 500 (USA): + 30,85%.

    Una semplice domanda: cosa ne pensate? Riuscite a vedere delle stranezze o no?

  • federico 9 Marzo 2020

    Il virus già impazzava ma le borse macinavano record

  • Roberto 9 Marzo 2020

    Ovviamente gli avranno chiesto di non chiudere la borsa per permettere la speculazione e pagarci gli aiuti.

  • Cecconi 9 Marzo 2020

    Repetita iuvant.

    Le borse scendono, cosa facilmente più che prevedibile, in quanto la stragrande maggioranza delle capitalizzazioni erano gonfiate al massimo. I motivi sono due: 1) la guerra del petrolio che questa notte ha portato la quotazione del greggio ad una perdita di circa il 25% dopo le discese dei giorni scorsi e questo sta a signioficare solo una avvenimento nell’universo mondo: RECESSIONE. In più si deve aggiungere la crisi sanitaria. Se voi ci prendeste la briga di andare a analizzare le discese delle borse dal picco massimo sono del tutto appaiate.

    In merito allo spread in questo preciso istante abbiamo una quotazione di 214.30 dopo aver toccato un massimo di 230. 70 in mattinata.

    Se avessimo bloccato le contrattazioni sui mercati non regolamentati saremmo già oltre 500 bp.

  • Matteo Scricciolo 9 Marzo 2020

    Andrebbe fatta una class action contro chi non ha perlomeno sospeso le vendite allo scoperto, di fatto appannaggio dei soli grandi speculatori internazionali, a danno dei risparmiatori che non possono difendersi. L’investimento in azioni è di per sé rischioso ma questa è una situazione straordinaria, come l’11 Settembre.

  • SUGERITI DA TABOOLA