Incredibile ma vero: cambia ancora il modulo di autocertificazione

giovedì 26 marzo 13:46 - di Monica Pucci

“La stragrande maggioranza degli italiani vive con sofferenza e fastidio disposizioni che limitano le nostre libertà e i nostri movimenti, ma le rispetta”. Così il capo della Polizia, Franco Gabrielli, a Sky Tg 24. “Ma c’è un’altra parte che o perché non ha compreso o perché non è consapevole del rischio è sempre un po’ allergica. E si comporta in modo negativo – denuncia Gabrielli – introducendo in questo complesso sistema un vulnus, un baco che può pregiudicare il tanto che si sta facendo”.

Ecco perché, secondo Gabrielli, ad appena tre giorni dall’ultima modifica, in base alle nuove norme, verrà aggiornato ancora il modulo dell’autocertificazione, rispetto all’ultimo. Su questo, ha spiegato Gabrielli, “sono state fatte ironie, ma cambiano le disposizioni e noi dobbiamo aggiornare il modulo, anche per intercettare” i quesiti che arrivano dai cittadini. Ma come cambierà? Qui il link del nuovo modulo.

I controlli dei moduli di autocertificazione

Gabrielli ha parlato anche di controlli effettuati ogni giorno dalle forze dell’ordine. “Fino al 24 marzo – ha riferito – abbiamo controllato due milioni e mezzo di persone e rilevati 110mila comportamenti non corretti sanzionati con l’articolo 650 del codice penale”. Le sanzioni fin qui comminate, ha ricordato il prefetto, ammonteranno a un’ammenda pari a 200 euro. Una sanzione aggiornata dal governo. E specifica per chi non ha rispettato la quarantena, sia essa obbligatoria sia essa volontaria, “è quella che fa riferimento all’articolo 260 delle leggi sanitarie e prevede l’arresto da 3 a 18 mesi e la multa”. Poi il ringraziamento “alle forze dell’ordine che sono impegnate nella battaglia per spezzare la catena del contagio”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Enza daniele 27 marzo 2020

    Onori alle FORZE dellORDINE.

  • Sergio 26 marzo 2020

    Ci sono volute un paio di settimane e quattromodifiche per “un’autocertificazione”, ora si spiegano anche le molte lacune e inapplicabilità di certe leggi. Come dicevano le Alborelle appena pescate “se tutto va bene siamo fritte”.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza