I farmacisti: grazie tante a Mattarella, ma noi però siamo ancora senza protezioni…

28 Mar 2020 18:57 - di Domenico Bruni
farmacisti

I farmacisti sono piuttosto perplessi. Ma sempre educati. “Le parole dedicate alla nostra professione dal presidente nel suo discorso alla nazione sono un riconoscimento importante del nostro ruolo in questa fase di emergenza. Ruolo che svolgiamo con dedizione e coraggio, malgrado gli obiettivi disagi e timori che deve affrontare chi, come i farmacisti, opera nelle strade del nostro Paese, senza filtri all’accesso e purtroppo ancora senza tutele adeguate”. Lo afferma il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti, Andrea Mandelli.

I farmacisti: alle belle parole devono seguire le azioni

“Sono certo che questo pensiero è condiviso dalle migliaia di colleghi che anche in questo momento stanno dando il meglio di sé sul territorio e negli ospedali. Ma proprio per la loro importanza, le parole di elogio e riconoscimento del presidente Mattarella devono essere seguite da atti concreti da parte del Governo”, sottolinea.

Non ancora distribuiti i dispositivi di protezione

Come più volte denunciato dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti, al personale delle farmacie di comunità, di quelle ospedaliere e degli esercizi di vicinato – riferisce una nota – ancora non sono stati distribuiti dispositivi di protezione, non sono stati previsti per loro test diagnostici per la ricerca del virus Sars-Cov-2. Né le Regioni hanno preso una posizione chiara per assicurare lo svolgimento del servizio a battenti chiusi. Sia pure con tutte le garanzie per il cittadino in termini di presenza nelle farmacie di un numero adeguato di professionisti.

“Serve una maggiore tutela per i nostri presìdi, che hanno consentito finora non solo un equo e uniforme accesso al farmaco. Ma anche una corretta informazione, altrettanto importante in questa fase in cui si susseguono notizie false o fuorvianti sulla prevenzione e la cura della Covid-19. Fake news che possono generare ulteriori minacce per la salute pubblica” prosegue il presidente della Fofi.

Occorre anche una maggiore vigilanza delle forze dell’ordine

“E anche una maggiore protezione da parte delle Forze dell’Ordine – sostiene – visto l’innegabile aumento delle rapine nelle farmacie, favorito dall’eccezionalità della situazione. Tutelare i farmacisti, come tutti i professionisti della salute, significa tutelare le persone che a loro si rivolgono e continuare a garantire un servizio indispensabile. Esattamente come ha detto il presidente della Repubblica. Noi non smetteremo mai di operare per la collettività con tutte le nostre forze – conclude Mandelli -. Anche per onorare la memoria dei nostri colleghi uccisi da questa epidemia, ma continuiamo a chiedere risposte concrete”, conclude.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Maurizio Giannotti 29 Marzo 2020

    Lo sappiamo da sempre: le chiacchiere di Mattarella lasciano il tempo che trovano. E poi non costano nulla, a chi le fa. Per gli Italiani, purtroppo, costano moltissimo!!!

  • Nanni 29 Marzo 2020

    Sono loro che le vendono !!!
    Io me le ho comprate .
    Roba da matti!!

  • SUGERITI DA TABOOLA