Criminali alla regione Lazio. Centro Covid al Cpo tra i disabili gravissimi

martedì 24 marzo 11:12 - di Francesco Storace

Il Centro Covid in mezzo ai disabili più gravi. Criminali, alla regione Lazio ci sono criminali, sadici, incapaci. Non si può spiegare altrimenti il massacro prossimo venturo se non fermano l’ultima follia.

Accade dalle parti di Ostia. Nella frenesia di mettere posti letto contro il coronavirus, prima si rivolgono a privati specializzati in cardiochirurgia, trascurando il pubblico. Poi, per far vedere che sono tanto bravi, dov’è che individuano la sede per un centro Covid-19? I geni che governano la regione scelgono il Cpo di Ostia. Che ai più dirà poco, ma si tratta del centro paraplegici di Ostia, ossia i disabili più gravi.

Posti letto Covid in mezzo ai disabili gravi

E che fanno giunta e dirigenti? Come la Befana sono andati di notte e sono andati a piazzare posti letto in mezzo alle sedie a rotelle dei malati che stazionano lì da tantissimo tempo. Una vergogna. Cinismo. Omicidio annunciato.

Sono pazienti mielolesi, sicuramente immunodepressi, affetti da lesione da decubito con germi multi resistenti, con impegno respiratorio dovuto al tipo di lesione neurologica. E voi mandate lì i ricoverati per coronavirus? Ma siete impazziti completamente?

Dice chi se ne intende, a proposito degli ospiti di una struttura che noi facemmo rinascere nei primi anni duemila e poi fu di nuovo depotenziata: “le complicanze polmonari nelle persone con lesione midollare rappresentano la causa più comune di morte esse  sono rappresentate dall’insufficienza respiratoria, dalle infezioni polmonari e dall’atelettasia”.

Tutto di nascosto, ma non ci riuscirete

In quella struttura ci sono anche  pazienti in dialisi. Sono deboli, trapiantati, immunodepressi. Soggetti ad alto rischio di infezione anche loro. Il virus per i Mielolesi e i dializzati – a parlare sono i medici e non pericolosi estremisti di destra – è altamente letale.

La cosa peggiore è che tutto questo sia avvenuto praticamente di nascosto, giustamente vergognandosene.  Non hanno avvisato nessuno, nemmeno i medici del Cpo. Ieri sera hanno portato i primi letti. È una vergogna da scongiurare. Ci appelliamo ai consiglieri regionali di ogni partito: fermate questo piano scellerato. Se serve violare le ordinanze per manifestare davanti al Cpo, lo faremo. Dobbiamo farci arrestare per impedirlo?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pino 27 marzo 2020

    Accreditata ad un grande della politica che disse: A pensare male si fa peccato ma ci si indovina ! Quale soluzione più facile per appropriarsi di un’altro centro come hanno fatto smantellando la croce rossa? Mettiamo i malati con i paraplegici e speriamo in dio? NO ! in Covid 19 ! Nel paese, nelle istituzioni, ovunque i furbetti del quartierino. Non la galera che dovrebbe essere attivata anche per tanti di quelli con la tonaca nera, ma un passaggio dalla parti delle Ardeatine per farli meditare meglio.

  • Loredana 24 marzo 2020

    Non riesco a crederci! Mia madre è stata ricoverata al cpo 3 volte dal 2012 per gravi problemi visto che è paraplegica ed è un centro efficentissimo per chi ha questi problemi, abbiamo fatto di nuovo domanda 2 anni e mezzo fa per un nuovo ricovero, ma visto il ridottissimo numero di letti che sono rimasti ancora non è stata chiamata. Ora pazienti con mille problematiche possono essere messi a contatto con pazienti covid 19!!! Fate qualcosa!!

  • Giuseppe Prestigiacomo 24 marzo 2020

    Zingaretti e il resto della ciurma continuate ancora a fare omicidi? Vergognati il bello e che ce ancora gente che vi vota

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza