Coronavirus, giornalista Rai del Tg3 contagiato in trasferta in Veneto. Ricoverato allo Spallanzani

martedì 3 Marzo 14:51 - di Redazione
CORONAVIRUS, LE TENDE MONTATE FUORI DALLO SPALLANZANI

La Rai ha rivelato di aver riscontrato un caso di positività al coronavirus tra i dipendenti dell’Azienda radiotelevisiva.

Secondo l’Adnkronos il nuovo caso di contagio da coronavirus riguarda un giornalista del Tg3 che era in trasferta nella zona gialla. E che, tuttavia, non ha avuto accesso ai presidi aziendali negli ultimi dieci giorni.

Il dipendente Rai è risultato positivo al primo tampone sul Coronavirus. E si trova attualmente ricoverato all’Ospedale Spallanzani in buone condizioni. Ora si attende l’esito del secondo tampone.

L’Azienda radiotelevisiva è da giorni impegnata in un costante presidio di tutela dei propri dipendenti dall’epidemia di Coronavirus.
E le misure sono state ulteriormente rafforzate in queste ore.
La Rai ha emanato nuove disposizioni per innalzare ulteriormente il livello di attenzione per chi si trova o si è trovato nei pressi delle aree rosse o gialle.

Il dipendente Rai è «in buone condizioni», comunica l’assessorato alla Sanità della Regione Lazio su Facenook.

Il giornalista Rai «ha un link epidemiologico con zone del Veneto dove si era recato per lavoro. Non è un nuovo caso, ma era già inserito nel bollettino di ieri dell’istituto Spallanzani», spiegano.

Allo Spallanzani sono, al momento, ricoverate, 11 persone colpite dal Coronavirus e che hanno link con le aree rosse o gialle.

Fra loro, oltre al giornalista Rai e alla coppia cinese ormai negativizzata, un giovane allievo dei vigili del fuoco che seguiva l’87° Corso presso le Scuole Antincendio di Roma Capannelle, e un agente di polizia. Il cui nucleo familiare continua ad essere sottoposto a sorveglianza sanitaria domiciliare da parte della Asl competente.

Poi c’è la donna 38enne residente a Fiumicino assieme all’intero gruppo familiare, una donna residente a Fiuggi, una donna della provincia di Cremona. E, infine, una donna di Sassari.
Tutti i ricoverati allo Spallanzani non destano particolare preoccupazione, tranne due colpiti da polmonite.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *