Blitz notturno a consiglio sospeso: così la Regione Lazio regala l’immobile all’associazione “amica”

mercoledì 25 marzo 17:51 - di Redazione
regione lazio

Di notte e mentre l’opinione pubblica è tutta distratta dall’emergenza coronavirus. Così la Regione Lazio ha fatto un blitz per assegnare un immobile alla Casa delle donne “Lucha y Siesta”. Rigorosamente senza bando pubblico.

Il blitz notturno alla Regione Lazio

“La Regione Lazio e il ‘presidente zero’ Zingaretti ancora una volta cercano di aggirare le regole facendo entrare dalla finestra quello che è uscito dalle porta“, ha denunciato la consigliera regionale di FdI, Chiara Colosimo. “Con un’integrazione all’ordine del giorno, arrivata di notte nella speranza di essere coperti dal buio, la Giunta affida, senza bando pubblico, alla Casa delle Donne ‘Lucha y Siesta’, un immobile confiscato alla criminalità sito in via Fulda, 4″.

Colosimo: “Chiedano scusa e ritirino la delibera”

“Così con i lavori sospesi del consiglio regionale, fra le delibere che non riguardano il Coronavirus – ha spiegato ancora Colosimo – spunta questo provvedimento che è l’ennesimo schiaffo alla democrazia“. “Non ci sono parole efficaci per commentare tanta tracotanza”, ha sottolineato Colosimo. L’esponente di FdI, quindi, ha chiesto “scuse pubbliche e ritiro immediato della delibera. Perché nessuno pensi che l’emergenza sia il modo per far passare sotto traccia atti che sono solo a favore dei soliti noti. La violenza sulle donne – ha concluso l’esponente di FdI – è un’emergenza che non si affronta con giochetti e sotterfugi”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Anna galizia 27 marzo 2020

    Felicissima della decisione presa dalla regione Lazio. E spero in un’altra simile per salvare definitivamente la Casa delle Donne.

    • Francesco Storace 27 marzo 2020

      Una vergogna

  • Gianni 26 marzo 2020

    E’ ora di finirla!!!
    Chi sbaglia o tenta di fare furbate del genere fuori senza soldi o bonus tutto ridistribuito alla collettività….

  • ANTONIO GIOVANNETTI 25 marzo 2020

    Dove sta l’anomalia? Ormai è diventato normale fare le cose quando gli altri sono in altre faccende affaccendati. Se leggete, capò ha anche aumentato lo stipendio di 10mila euro al capo del Cerimoniale mentre gli altri avevano un occhio girato dall’altra parte. Per fortuna di occhi ne hanno due e quello libero lo usano per controllare lui perché è un pericolo. Solo che un occhio non basta, ci vorrebbe una gamba tesa e una bella rincorsa per mandarlo a fare in …. nella stratosfera sperando però che non ricadesse sulla terra.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza