Virus cinese: passeggeri e hostess, è boom di mascherine all’aeroporto di Fiumicino

lunedì 3 febbraio 15:42 - di Redazione
Virus cinese

Virus cinese e mascherine. Binomio oramai quasi inscindibile nelle zone ad alta densità. L’uso delle mascherine all’aeroporto di Fiumicino è in crescita esponenziale: non solo tra i passeggeri di tutto il mondo pronti alla partenza. Anche tra operatori dello scalo romano. E pure tra alcune hostess di compagnie aeree. Signore intente nel check-in che celano naso e bocca dietro le protezioni. Nonostante il blocco al traffico aereo con la Cina deciso a seguito dell’emergenza Coronavirus (sullo schermo delle partenze nei terminal del Leonardo Da Vinci i voli risultano cancellati), resta l’ansia del contagio a Fiumicino a giudicare dal numero elevato di viaggiatori a volto coperto.  Diversi, sistemata la maschera e scelta l’inquadratura giusta, scattano un selfie. Virus cinese superstar anche tra il gruppo di studenti del Liceo Senaca. Che prima di imbarcarsi per Dublino si mettono in posa: tutti i ragazzi indossano la mascherina. “E stata una nostra libera iniziativa, la scuola non ci ha suggerito di indossarla, però non si sa mai”, dice una liceale all’Adnkronos subito dopo il selfie con le compagne.  Qualcun altro è pronto a sfoderare la mascherina dalla tasca nei punti dove c’è più folla, ad esempio prima dei controlli di sicurezza. Altri tengono semplicemente un foulard sulla bocca o il collo della giacca alzato. Insomma, le rassicurazioni non fermano l’ansia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza