Tubercolosi al carcere di Agrigento: già 20 casi positivi al test. L’ira degli agenti penitenziari

sabato 29 Febbraio 18:00 - di Milena Desanctis
Tubercolosi

Nel carcere di Agrigento esplode il caso tubercolosi. Sono venti le persone tra personale civile, agenti di polizia giudiziaria e detenuti risultate positive al test. L’esame è stato effettuato qualche giorno fa dopo la protesta degli agenti che avevano scoperto con ritardo che un detenuto aveva la tbc. Il primo caso  all’interno del carcere “Di Lorenzo” è stato, infatti,  quello di un detenuto.

Tubercolosi in carcere

L’uomo aveva la tubercolosi ed era detenuto nei locali del carcere già dallo scorso mese di novembre. Nessuno sapeva niente, non sono state adottate precauzioni per evitare i contagi. Il detenuto in questi mesi ha condotto una vita “normale” convidendo gli spazi interni ed esterni del carcere con altri detenuti. Non è stato sottoposto ad un regime di sicurezza come previsto in questi casi. Chi si trovava all’interno del carcere è quindi stato in contatto con lui. Nessuno tra detenuti e agenti ha potuto tutelarsi. Il caso è venuto galla dopo che un agente ha scoperto di essere stato contagiato. Subito è scoppiata la protesta.  

Agrigento, disposto il test all’interno del carcere

A quel punto è stato disposto per tutti il test di Mantoux. Ieri la notizia che venti, tra i casi esaminati, sono risultati positivi. La notizia è riportata dal giornale locale AgrigentoNotizie che puntualizza: «Non significa che i venti siano malati, ma occorrerà che vengano sottoposti ad ulteriori indagini diagnostiche come ad esempio una radiografia polmonare».

Saranno adesso necessari altri tipi di controlli e analisi come prevede il protocollo in questi casi. In totale, fino ad oggi sono stati eseguiti circa 150 test tra detenuti, agenti della polizia penitenziaria e docenti. Altri 150 sarebbero previsti per i prossimi giorni. Ed intanto non si placano le polemiche perché dai controlli pare siano esclusi i familiari del personale che lavora all’interno della struttura.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica