“Se ne frega”. Nell’ultimo videoclip del brano sanremese Achille Lauro è Gesù tra le braccia di Maria (video)

giovedì 27 febbraio 18:23 - di Romana Fabiani
Achille Lauro

Lui se ne frega. Della decenza, del decoro, del politicamente corretto. E a ogni uscita alza l’asticella della provocazione. Achille Lauro, reduce dalle performance sul palco dell’Ariston, pubblica un nuovo videoclip della sua “Me ne frego”. E non risparmia scandalose allegorie. Per promuovere il suo singolo, quarto in classifica, si presenta nelle vesti di Gesù morto tra le braccia della madre. La Pietà di Michelangelo rivisitata e corretta dalle mani del musicista più discusso del momento.

Achille Lauro diventa Gesù morto tra le braccia di Maria

Prima San Francesco. Poi David Bowie in versione Ziggy Stardust. E ancora la marchesa Casati Stampa e la Regina Elisabetta I. Dopo i quattro“travestimenti”  di Sanremo, Achille Lauro appare nei panni del Nazzareno. Abbandonato tra le braccia della madre, il volto reclinato e i panni a coprire il pube. Lo aveva annunciato e lo ha fatto.

Il videoclip  è stato pubblicato alle ore 14 di oggi. Grande comunicatore, il 26 febbraio, attraverso i suoi profili social, l’artista aveva annunciato la pubblicazione della clip postando un passo della Preghiera semplice di San Francesco. Signore, fa di me uno strumento della tua pace”. E alcune foto in cui indossa un saio come quello del Poverello d’AssisiNel video torna nel ruolo del Santo. Si vede anche un lupo (questa volta in carne e ossa) e sullo sfondo una danza orgiastica ai piedi del musicista vestito del solo saio.

Dopo l’esibizione di Sanremo i padri francescani avevano con un certo imbarazzo sospeso il giudizio. «Buone le intenzioni ma discutibili i metodi», aveva detto padre Fortunato, direttore della rivista San Francesco. Adesso il verdetto si fa più arduo: Achille Lauro si spoglia del mantello di velluto e resta nudo. Ma asessuato. 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza