Salvini: «Denunciamo il governatore Rossi, sta mettendo a rischio la salute dei toscani»

venerdì 21 Febbraio 13:54 - di Alessandra Danieli
Salvini

«Presentiamo un esposto denuncia contro il presidente Rossi. Che non facendo tutti i controlli necessari su chi rientra dalla Cina. Mette a rischio la salute dei cittadini toscani e accusa chi lo critica, scienziati e medici compresi, di essere un “fascioleghista”». Matteo Salvini va giù pesante contro il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

Il leader del Carroccio punta l’indice sul rischio contagio del coronavirus. «Sto rientrando in Lombardia per l’emergenza, farò un salto in Regione, a ora di pranzo, perché la situazione è preoccupante. Perché, non sta a me dirlo, non c’è un contagiato ma più di uno. Tutti localizzati nella stessa località e il problema è che erano in giro da giorni, in Lombardia e non solo». Da Casalecchio di Reno (Bologna) Salvini lancia l’allarme «Se stai in giro per giorni e giorni, quante persone hai incontrato? Se sono 3 casi, sono 3 casi. Però abbiamo visto che è virale questa bestia…».

Dall’emergenza salute alla cronaca politica. «Con Renzi non si possono trovare accordi», taglia corto a proposito delle ultime mosse di Forza Italia raccontate dai retroscena giornalistici. Starebbe cercando di trovare un’intesa con Italia Viva. «Non mi risulta – dice Salvini – su alcuni temi Renzi ha ragione. Sul fatto che la riforma della giustizia così come ideata non funziona. Che bisogna aprire i cantieri, che il reddito di cittadinanza così come è stato strutturato non funziona. Se ha ragione su questi fronti, però, tolga la fiducia al governo».

Il leader del Carroccio si augura il capolinea per il Conte bis. «Mi auguro che non tenga, perché la cosa logorante è che sono cinque mesi di litigi continui. Non dico questo perché ho smania di andare io al governo. Ma perché è un governo totalmente bloccato su tutto». Adesso c’è l’Italia che sta aspettando l’incontro Conte-Renzi. «Non mi pare normale un Paese dove, prima aspetti Renzi da Bruno Vespa, poi aspetti l’incontro Conte-Renzi, poi aspetti che le Sardine vadano da Mattarella: non siamo un Paese normale. La produzione industriale è crollata e noi aspettiamo l’incontro Conte-Renzi. L’incontro potrebbero farlo in cabina elettorale…».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio Brandani 22 Febbraio 2020

    Quando l’allerta la declamava Salvini il Governatore rosso della Toscana ROSSI aveva detto che erano proclami razzisti e fascisti. Ora che l’ordine di controllare tutti i rimpatriati dalla Cina arriva da Speranza (PD) il governatore si uniforma volentieri.
    Due pesi e due misure, come sempre nella sinistra. Falsi e bugiardi!

  • Maurizio Giannotti 22 Febbraio 2020

    Una cosa è certa. Il Presidente della Giunta Toscana è un pazzo pericoloso per i suoi cittadini e per l’Italia. In una situazione di pandemia avanzata si trastulla con le solite chiacchiere cretine di stampo ideologico, invece di provvedere ad evitare la diffusione del contagio. E la Toscana è colma di gente che va e viene dalla Cina senza alcun controllo!!

  • eddie.adofol 22 Febbraio 2020

    Stranamente in Lombardia e Veneto è arrivato il Corona/virus e come mai nelle Regioni rosse va ancora tutto liscio, non è che fanno come i cinesi in Cina che mettono tutto sotto il tappeto, ma quei 2500 cinesi di Prato hanno fatto la quarantena o è finito tutto, a vino e tarallucci, questa politica sinistrosa sta portando l’ITALIA alla rovina e questa costituzione fa acqua da tutte le parti e, la difendono soltanto gli interessati Mattarella e tutta la sinistra maledetta da DIO e dal popolo ITALIANO – Bisogna indire ad un Referendum e scegliere tra la MONARCHIA e la Repubblica di Pulcinella, un RE già ce lo abbiamo ed è EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA. PRIMA GLI ITALIANI VERACI.

  • maurizio pinna 21 Febbraio 2020

    Il conte ha evocato l’umanesimo, mentre allo Stalin dell’Etruria calza il 1630. Il grande Alessandro descrive molto bene la peste, si astrae dal romanzo ed entra nella Storia: la peste si diffuse soprattutto per l’incapacità dei governanti che non sapevano che fare e per l’ imbecilllità delle persone che sottovalutarono la pandemia fino ad usare gli abiti dei defunti.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica