Rifiuti, la rabbia dei cittadini di Valle Galeria contro Raggi e Zingaretti. Che fanno i “tonni”

mercoledì 5 febbraio 16:17 - di Valeria Gelsi
valle galeria

Su questo saranno gli eventi prossimi venturi a parlare. I cittadini, intanto, la loro la stanno dicendo da tempo. E oggi sotto la Pisana l’hanno ribadita forte e chiara. “Se con Malagrotta si è ammalata più di mezza Valle Galeria con Malagrotta 2 ci sterminate tutti”; “No Malagrotta bis”; “Valle Galeria Libera”; “Siamo morti viventi” sono alcuni degli slogan scritti sui cartelli del Comitato Valle Galeria Libera.

Simona Izzo e Ricky Tognazzi danno voce alla protesta

“Noi stiamo battendoci perché qui in Valle Galeria non venga più nulla. C’è piuttosto un ambiente da tutelare e risanare. Qui non ci arriverà nemmeno una goccia. E sentirci dire che dobbiamo prenderci l’inceneritore: no signori!”, ha avvertito Maria Teresa Cipollone, membro del Comitato, che ha ricevuto anche il supporto della coppia Simona Izzo e Ricky Tognazzi, che abita in zona. “Abbiamo già dato, abbiamo pagato la nostra tassa con la salute da 40 anni a questa parte“, ha detto Tognazzi, mentre è stata la Izzo a dare voce a un’altra preoccupazione dei cittadini della zona: la svalutazione delle case.

“A Valle Galeria il 28% in più di tumori”

“Ho quasi 80 anni e sono 30 che lotto contro questa discarica. Casa mia non vale più niente“, ha spiegato Pietro Paolo Pisu, un residente. “Non so dove andare ad abitare, dove mandare mia figlia affinché non muoia di tumore. Perché in zona c’è una incidenza di morti di tumore del 28% superiore alla media. Una vergogna! Vogliamo parlare anche con l’assessore alla Sanità: si prenda le sue responsabilità! Siamo stanchi”, ha avvertito Pisu. Anche lui, però, per ora si deve accontentare dei consiglieri.

Mozioni e appelli: tutti contro Raggi

Al termine della riunione, è stata una cittadina a riferire cosa si siano detti, chiarendo che all’incontro erano voluti intervenire i rappresentati di tutti i gruppi. I consiglieri di maggioranza e opposizione, e in particolare Pd, M5S e FdI, presenteranno delle mozioni per chiedere al sindaco di ripensarci e proporranno anche una via per mettere sotto tutela ambientale il sito. Comunque, ha chiarito la cittadina che ha presentato il report “non sarà una cosa veloce”. Insomma, il pallino resta nelle mani del sindaco, che insieme a Zingaretti tanto ci ha tenuto tanto, almeno finora, a confermare il sito di Valle Galeria.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza