“Noi trattati da appestati: il governo se ne è fregato di noi”. Furiosi gli italiani espulsi dalle Mauritius (video)

mercoledì 26 febbraio 10:57 - di Gabriele Alberti
Mauritius

Mauritius, viaggio allucinante. “Un incubo. Rinchiusi in aereo. E l’Italia non se ne è neanche accorta, se non fosse stato per poche testate. “Scendano solo quelli che non vengono dalla Lombardia e dal Veneto”. L’Odissea per i 40 italiani “espulsi” dalla Mauritius è finito. Sono tornati, ma la loro rabbia è alle stelle. Contro il governo italiano: dal ministro della salute Speranza in su, fino alla Farnesina, con il ministro Di Maio inesistente. Fino al premier Conte. Ne hanno per tutti i nostri connazionali che sono stati bloccati nell’isola francofona.

La loro testimonianza è allucinante: “Trattati come cani”, affermano. Dicono grazie solo all’Alitalia e al comandante del volo su cui erano imbarcati. Fosse stato per l’Italia sarebbero ancora là. “Tutto, dal ministero della Salute alla  Farnesina se ne sono  lavati e mani”. E’  come se arrivassero i marziani, raccontano ancora spaventati. Trattati come appestati. Ecco cosa vuol dire mettersi in viaggio ai tempi del governo Conte.

L’unica alternativa lasciata a questi 40 nostri connazionali- raccontano- “era la quarantena sull’Isola. Capite bene che non sapessimo bene cosa significasse esattamente per noi”. Un racconto allucinante. La loro furia contro il governo italiani che se ne è lavato le mani è incommensurabile.

 

CoronaVirus. Rientrati i 40 italiani espulsi dalle Mauritius: "Ci hanno trattato come bestie, un incubo." In queste ore i negrieri della SeaWatch vogliono scaricare 194 risorseINPS clandestini in Italia: prego fare retromarcia e scaricarli alle Mauritius. Basta! RadioSavana

Pubblicato da Vicky Wood su Martedì 25 febbraio 2020

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza