Intervento a gamba tesa del Papa: «I leader populisti diffondono la paura»

domenica 23 febbraio 12:30 - di Corrado Vitale

Intervento a gamba tesa del Papa in campo politico. Il suo bersaglio sono i sovranisti che chiama populisti. Ma il senso e la destinazione delle sue parole sono chiari. “Mi  fa paura – ha detto a braccio – quando ascolto qualche discorso di alcuni leader di nuove forme di populismo che seminano paura e odio e si sentivano nella decade del trenta del secolo scorso”. Bergoglio lo dice  nel discorso ai Vescovi del Mediterraneo a conclusione del summit per la pace a  Bari.

”Si fa  strada un senso di paura, che porta ad alzare le proprie difese  davanti a quella che viene strumentalmente dipinta come  un’invasione”, dice sempre il Papa. ”La  retorica dello scontro di civiltà  serve solo a  giustificare la violenza e ad alimentare l’odio. L’inadempienza o, comunque, la debolezza della politica e il settarismo sono cause di  radicalismi e terrorismo. La comunità internazionale si è fermata agli interventi militari. Mentre dovrebbe costruire istituzioni che  garantiscano uguali opportunità e luoghi nei quali i cittadini abbiano la possibilità di farsi carico del bene comune”.

Bergoglio chiama a raccolta i Vescovi: ”Fratelli, alziamo la voce per  chiedere ai Governi la tutela delle minoranze e della libertà  religiosa. La persecuzione di cui sono vittime soprattutto – ma non  solo – le comunità cristiane è una ferita che lacera il nostro cuore e non ci può lasciare indifferenti. Nel contempo, non accettiamo mai che chi cerca speranza per mare muoia senza ricevere soccorso o che chi  giunge da lontano diventi vittima di sfruttamento sessuale, sia sottopagato o assoldato dalle mafie”.

In questi giorni dal Vaticano stanno arrivando una sorta di offensiva nella politica. Proprio ieri un altro duro intervento  del direttore di Civiltà Cattolica, Antonio Spadaro, contro i sovranisti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Paolo Ferlini 24 febbraio 2020

    Vorrei chiedere al sig. Bergoglio (Francesco solo quando ricomincerà a parlare alle anime) perché non si candida invece di parlare di cose che non gli competono.
    Se non ricordo male i patti Lateranensi dicono che il Papa si occupa della Chiesa e dei suoi fedeli mentre lo Stato si occupa dei cittadini italiani. Le due figure non si devono intrecciare.
    Sono un credente e anche praticante ma se la Chiesa, e il suo più alto rappresentante, continuano su questa strada eviterò di frequentare. Per il momento l’8 per mille se lo scordano.

  • maurizio pinna 24 febbraio 2020

    Giovanni Paolo I richiamava i tanti gesuiti affascinati da Massoneria, dottrine marxiste, politica, sociologia e sociale, più che a Cristo stesso, per poi radicare questo errore in un fatto: l’allontanamento dalla “solida dottrina”.

  • ALESSANDRO LEPRI 24 febbraio 2020

    Il papa e’ il mandante dei trafficanti di esseri umani, degli scfisti. Va arrestato.

  • Luigi 23 febbraio 2020

    Ma il papa non dovrebbe occuparsi dello spirito? o pensa che governare lo stato cattolico sia uguale a governare uno stato laico. Alla fine chi lo autorizza a intromettersi nelle cose italiane?

  • giovanni pistis 23 febbraio 2020

    Commentare bergoglio e i suoi seguaci è tempo perso; basta pensare il suo impegno con Lula…condannato per i suoi crimini in Brasile !!! Secondo il sottoscritto di RELIGIONE CATTOLICA ( NON BANDIERA ROSSA IN CHIESA)…Bergoglio è solo il papa nero dei gesuiti..quelli che in Sud America hanno sterminato popolazioni INCA.Concludo, IL mio Papa si chiama S.S. Benedetto XI°. dimenticavo a bergoglio piaccioni i migranti da 35 euro, invece a me è piacciuto NON destinare l’8xmille a b ergoglio…

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza