Bugo e Morgan, volano gli stracci. «Mi ha detto “figlio di p…”». «Avrebbe venduto sua madre»

sabato 8 febbraio 19:10 - di Renato Fratello
Bugo e Morgan

Tra Bugo e Morgan continuano a volare gli stracci. «Morgan, poco prima dell’inizio della nostra esecuzione di ieri sera, mi ha insultato con epiteti che non posso ripetere, dicendomi “figlio di…, sei una mer…, fai cag…”. Ha insultato anche mia moglie». È la rivelazione di Bugo, che racconta, in una affollatissima conferenza stampa, come è andata esattamente ieri sera prima dell’esibizione che lo ha portato ad abbandonare l’Ariston. eE che ha portato alla squalifica dalla gara. «Prima di salire sulla rampa della scala di noi artisti  – racconta Bugo – io e lui ci siamo incontrati. E lui ha cominciato ad attaccare un ragazzo della nostra squadra. Gli ho detto “basta”, siamo qui per divertirci. Volevo smorzare i toni, volevo che la gente sorridesse e dicesse che figata, c’è Bugo e Morgan». In quel momento «Morgan ha cominciato ad insultarmi. Quando ci hanno chiamato sul palco lui è sceso, e io mi sono bloccato, non sapevo se uscire».

Bugo e Morgan, la vicenda

Poi l’artista è sceso, ma Morgan «ha continuato a insultarmi. Non sapevo assolutamente che avrebbe modificato il testo, mi ero accorto di alcuni fogli, ma ero stanco, confuso», spiega Bugo. Facendo un passo indietro, Bugo ricostruisce la vicenda: «La canzone era mia, Marco è intervenuto magnificamente, ci tengo a dirlo, con la sua voce. Quando era il momento di decidere la cover ho pensato da amico. E lo sottolineo, perché una delle cose più belle di questo festival era condividerlo con lui. Di affidarla a lui». Ma l’ex Bluvertigo non si è accontentato di scegliere il brano. «Mi ha chiesto di dirigere – dice Bugo – e gli ho detto va bene. Mi sembrava un gesto di affetto e di stima, e poi di decidere l’arrangiamento».

Sulla questione dell’arrangiamento, però, «c’erano delle cose che non tornavano. Quindi io mi son trovato la sera delle cover a fare una canzone che non sapevo nemmeno in quale versione dovessi eseguire». Arrivato alle prove, Bugo si è trovato a non sapere cosa fare. «Chiedevo: cosa devo fare? La canzone la conoscevo, ma il modo in cui eseguirla dipende dall’arrangiamento. Chiedevo: come faccio a cantare giovedì sera una canzone che non ho provato? L’ho cantata, cerco di cantarla nel miglior modo possibile. Avete visto il risultato. Secondo voi ero felice?».  Appena ha detto la prima frase, Bugo si è trovato completamente spiazzato. «Appena ha detto: “le brutte intenzioni”, modificando il testo, ho detto: che caz… succede? Non sapevo nemmeno io come reagire, ho preso il foglio e sono uscito». E rispondendo alla domanda se abbia sentito Morgan in seguito, risponde secco: «Non ho più visto Morgan da quel momento sul palco, io non gli ho più scritto e nemmeno lui».

Morgan: «Vi racconto io come è andata»

Bugo “avrebbe venduto anche sua madre per emergere in scena”. Morgan spara a zero sul suo “ex amico” Bugo, all’indomani del colpo di scena che ha decretato la loro squalifica “per defezione” dal festival di Sanremo. L’artista, che ieri ha modificato a sorpresa sul palco il testo della canzone attaccando Bugo, sostiene di essere stato “mobbizzato” dall’entourage del suo partner sanremese. Che voleva in realtà far emergere Bugo a suo discapito. «Avevo detto più volte a Bugo che stavo subendo mobbing da parte dei suoi, e che Soave (il produttore di Bugo, ndr) doveva andarsene. Ma lui mi rispondeva “che cazz… dici, divertiamoci!”. Dice Morgan, che ritiene che Soave «sia la causa di questa frattura». Poi, durante la serata delle cover, «quando ho visto che è iniziato il pezzo e Bugo si è fiondato sul proscenio. E ha iniziato a cantare come un matto, facendo tutto quello che non doveva fare, lì si sono rivelati. A quel punto la cosa era certa, dichiarata», spiega. «La loro bella idea era quella di dire a Bugo «quando siamo in diretta mettiti in mostra e offusca Morgan», affonda Morgan.

«Non ho insultato nessuno»

«Non ho litigato, non è vero che ho insultato la moglie, io ho giocato ieri sera. Mi sono divertito e ho combattuto con l’arma della parola. Lui non lo sapeva, non sapeva che avrei cambiato il testo. Perché ho voluto fare una cosa per fargli capire che mi aveva molto offeso. Chi la fa l’aspetti». Morgan poi spiega così il motivo per il quale ha deciso, senza che Bugo sapesse nulla, di modificare all’ultimo le parole della canzone che portava in gara insieme all’amico. Decisione che è costata ad entrambi la squalifica dalla competizione. L’ex Bluvertigo giura che non sapeva che questa decisione avrebbe causato l’espulsione dalla gara. «Non sapevo che non si potesse cambiare il testo – dice – volevo cambiarlo. Non mi piaceva quello originale, non ho mai capito bene di cosa parlasse, sinceramente. A me non stava bene la canzone così, ma ho detto “inghiottiamo anche questo”… Non era mia, ma ho continuato a incassare». Ma una volta sul palco, durante la serata delle cover, per Morgan Bugo «ha stuprato la canzone di Endrigo». Perché «Bugo sfigura ogni volta che apre bocca». E lui ha voluto così rendergli “pan per focaccia” il giorno dopo. E non è tutto: «Lui deve ringraziare me perché l’ho portato qua, ma io ringrazio lui perché se n’è andato».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza