Pistoia, lo scontro tra Sardine divampa sui social. E sotto accusa finisce il “provocatore” Renzi

sabato 4 gennaio 15:08 - di Marta Lima

Qualcuno vede nella lite tra Sardine pistoiesi la solita “manina” di Matteo Renzi. Scrive un certo Enrico P su Fb: «Un agente provocatore renziano fa fallire la manifestazione a Pistoia. Ma loro cadono nella provocazione annullando una manifestazione che aveva avuto molte adesioni difficilmente ripetibili Pistoia. Dopo essere la prima città ad eleggere un sindaco di estrema destra, rischia di aprire la strada anche alla rottura del fronte delle Sardine».

Lite tra Sardine con spaccatura in due gruppi

Ma cos’è accaduto? Semplice. Il movimento, con i suoi vertici toscani, ha disconosciuto la manifestazione di piazza prevista per oggi. Che comunque si farà, ma senza l’imprimatur delle Sardine stesse. Come spiegava due giorni fa su Fb una delle responsabili del movimento, Elena M. «Carissimi, perdonateci se, ancora una volta, siamo chiamate a specificare alcune cose. Lo facciamo per amor di chiarezza. Questa mattina in Questura abbiamo revocato la richiesta di permesso per la piazza di sabato 4 gennaio. Scrivendo e specificando che nessun gruppo, pagina, evento, flash mob o manifestazione recante la dicitura “6000 Sardine Pistoia” sarà mai considerata ufficiale. Se non direttamente organizzata da una di noi 3 coordinatrici provinciali».

E spiegano. «Lo abbiamo fatto principalmente per tutelare tutti voi, perché quella piazza e le richieste non possono né potranno mai essere mercificate o barattate al miglior offerente. Non è nostra intenzione boicottare la piazza di sabato 4. Ognuno di voi è libero di andare o non andare. Ma la libertà, di cui tanto si parla, ha senso solo quando è data dalla consapevolezza piena degli eventi. Ribadiamo quindi, ancora una volta, che attualmente non c’è alcun evento ufficiale delle 6000 Sardine di Pistoia, che tutto ciò che succederà in quella piazza il prossimo sabato non è in alcun modo legato alle Sardine stesse. E che l’unico gruppo pistoiese ufficiale delle Sardine è questo (#6000 Sardine Pistoia Gruppo Ufficiale)».

La giovane leader, insieme con le compagne Giulia e Francesca, dà invece appuntamento a domani, al Circolo Garibaldi di Pistoiam per un’assemblea aperta a tutti “in cui decideremo la nuova data».

L’altra piazza di manifestanti delegittimati

Oggi, in effetti, in piazza dello Spirito Santo, alle 18.30, avrebbe dovuto tenersi il raduno del gruppo di Pistoia Gelosie, liti interne, smanie di protagonismo, hanno determinato al cancellazione della manifestazione e il lancio di una iniziativa parallela. Con le Sardine spaccate e in balìa delle onde, tra tra due gruppi Facebook contrapposti, uno amministrato dalle ragazze estromesse dal precedente e l’altro ufficiale. Nonostante la lite, le tre responsabili delle Sardine di Pistoia fingono serenità. «Questa spaccatura è per noi è un grosso dispiacere, ma siamo sicuri che ci sono tante Sardine a Pistoia che non vedono l’ora di riorganizzarsi in un banco unito e solidale». Intanto, però, i due gruppi Fb si fanno la guerra a colpi di like.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica