Lago di rifiuti scoperto nel Casertano: i gommoni navigano nella plastica

lunedì 13 gennaio 16:38 - di Redazione
lago di rifiuti

Un lago di rifiuti tossici senza precedenti. La clamorosa scoperta è avvenuta in provincia di Caserta. La Polizia metropolitana di Napoli e i Vigili del Fuoco di Caserta sono impegnati da questa mattina in attività di verifica di rifiuti pericolosi. Il materiale è all’interno di un invaso di oltre 10mila mq e di una cava di 5mila mq. Una discarica abusiva che sorge nel comune di San Felice a Cancello (Caserta).

L’area è stata posta sotto sequestro circa un mese fa, nell’ambito di indagini avviate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere ed eseguite dalla Polizia metropolitana di Napoli. Sono in corso ulteriori verifiche per determinare la natura dei rifiuti stipati ed eventuali conseguenze derivanti dallo stoccaggio abusivo, quali il possibile inquinamento delle falde. Sono inoltre in corso accertamenti anche sulla proprietà della cava e dell’invaso. Le analisi delle acque si stanno svolgendo in collaborazione con l’Arpac per verificare eventuali presenze di sostanze tossiche, la loro provenienza ed eventuali infiltrazioni nella falda acquifera.

Come si evince dal video pubblicato sul canale Youtube MetroNapoli, il lavoro della polizia metropolitana è improbo. Gli agenti sono alle prese con una quantità impressionante di rifiuti. La plastica invade l’invaso ed è veramente possibile trovare di tutto, all’interno dell’area. La zona è quella ormai tristemente ribattezzata come terra dei fuochi. Al momento sono in corso ulteriori verifiche per determinare la natura dei rifiuti stipati ed eventuali conseguenza derivanti  dallo stoccaggio abusivo quali inquinamento delle falde.

Cosa hanno trovato nel lago di rifiuti

In particolare i vigili del fuoco stanno scandagliando con i gommoni un bacino d’acqua sotterraneo, posto ad una decina di metri di profondità dalla superficie della cava (denominata Cava Giglio); in azione anche i sub, che con una telecamera stanno controllando il fondale, dove sarebbero stati gettati rifiuti. Nel bacino sono state gia’ rinvenute carcasse galleggianti d’auto, insieme ad elettrodomestici e plastica.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • NESTOREn 13 gennaio 2020

    proprio bravi al sud

  • NESTOREnn 13 gennaio 2020

    e poi vogliono aiutare il sud, sono loro prima che devono aiutare se stessi

  • In evidenza