La Russa: “Cara senatrice Segre, lei e Almirante non siete inconciliabili. Se lo avesse incontrato…” (video)

giovedì 23 gennaio 11:34 - di Gabriele Alberti
Almirante

“Nessuna incompatibilità, signora Segre, tra la sua cittadianza onoraria e una via intitolata a Giorgio Almirante a Verona”. Da Salsomaggiore, luogo natio del grande leader del Msi, Ignazio La Russa ha lanciato una messaggio forte, di grande civiltà alla senatrice. “Qui nacque Almirante. Nessuna via, targa o piazza ne  testimonia la nascita. Ma se ci fosse non mi meraviglierei. Così come è un atto assolutamente lecito che molte città abbiano intitolato una strada ad Almirante”. Presegue La Russa: “Il tema è tornato alla ribalta perchè la senatrice Segre ha ritenuto incompatibile con la cittadinanza onoraria a lei conferita  che Verona abbia intitlato ad Almirante una via. Credo di non urtare la sensibilità della senatrice Segre,  che rispetto, dicendole che i due fatti non sono inconciliabili. La destra,  che è figlia del grande leader scomparso, ha più convintamente e decisamente di tanti altri  condannato senza se e senza ma le leggi razziali e qualunque discriminazione razziale”.

“Se la signora Segre avesse conosciuto Almirante…”

Con rammarico Ignazio La Russa aggiunge: “Se la signora Segre lo avesse consciuto, sicuramente avrebbe dato di quell’uomo un giudizio completamente diverso. Purtroppo Almirante è morto e un incontro con la Segre non è possibile. Un incontro tra i due  – ne sono certo- avrebbe risolto la questione”. La Russa allora prenderà un’iniziativa importante, spiega nel bel video: “Regalerò due libri alla signora Segre. Uno in particolare: che spiega il rapporto di Almirante con gli ebrei. Egli fu nascosto da un ebreo quando avrebbe potuto rischare la vita. E a sua volta – racconta-  nascose una famiglia ebrea, nel timore che venisse deportata. Rileggendo quelle pagine, credo che la senatrice Segre potrà capire che ci può essere rispetto per Almirante; così come noi non solo rispettiamo, ma siamo solidali con lei nel condannare gli episodi che hanno segnato la comunità ebraica”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurizio pinna 23 gennaio 2020

    Purtroppo sussiste l’ antico teorema della sinistra, per cui “non poteva non sapere” e “non poteva non farne parte”. Giorgio Almirante è stato anche un funzionario statale durante la RSI, si occupava di giornalismo, quindi un personaggio che la sinistra considera “complice ideologico” per i predetti dogmi, come del resto tutta la Destra Storica che, a mio avviso, arbitrariamente, venne esclusa dalla Costituente.
    Peraltro una Costituzione sibillina, con disposizioni transitorie, in parte, non perfettamente chiare si presta a cattive interpretazioni.
    Forse, un giorno, con personaggi istituzionali perfettamente super partes, si potrà fare finalmente chiarezza.

  • In evidenza