Dopo il voto il governo spalanca i porti. La Ocean Viking sbarcherà a Taranto con 403 immigrati

martedì 28 gennaio 13:09 - di Eugenio Battisti
Ocean Viking

Come previsto. Il governo ha aspettato le elezioni di domenica per tornare a spalancare i porti. Disco verde da Palazzo Chigi allo sbarco a Taranto degli immigranti a bordo della Ocean Viking. Nella città pugliese arriveranno nelle prossime ore 403 migranti.

Porti aperti, la Ocean Viking sbarcherà a Taranto

«Lo abbiamo appena saputo con un annuncio in sei lingue», esulta Medici Senza Frontiere con un tweet. «Costretti a rischiare la vita per fuggire attraverso Mediterraneo, 216 uomini, 38 donne e 149 bambini saranno presto al sicuro», si legge. Una volta arrivata a Taranto l’imbarcazione della Ong Sos Mediterranée darà  vita ad uno degli sbarchi più massicci degli ultimi anni.

Sbarco record: oltre 400 immigrati

Il via libera all’approdo è arrivato nelle scorse ore dal Viminale. A due giorni dal voto in Emilia Romagna e Calabria. Lo sbarco di Taranto farà schizzare oltre la soglia di 1000 il numero degli immigrati arrivati in Italia in questo mese. Fino a questo 28 gennaio sono in totale 870 gli immigrati sbarcati dall’inizio dell’anno. Adesso si arriverà ad oltre 1.200. Registrando un aumento del 400 per cento, visto che nello stesso periodo del 2019 gli immigrati sbarcati erano stati 155.

Ma non è finita. Altri 200 immigrati sono a bordo di altre due navi: 158 migranti nella spagnola Open Arms. Settantanove sulla Alan Kurdi, della Ong tedesca Sea Eye. Non è escluso che il governo Conte accorderà anche a queste due imbarcazione l’approdo a Taranto. Conti alla mano, nel giro di pochi giorni c’è il rischio concreto che 600 nuovi immigrati arrivino sul suolo italiano.

Superata la soglia psicologica di 1000

Non sembra casuale il via libera del ministero dell’Interno a poco più di 24 ore dal voto in Emilia. Nei giorni scorsi proprio Matteo Salvini aveva denunciato il possibile sbarco della Ocean Viking. Quando a bordo aveva poco più di 200 migranti. Tra i banchi dell’opposizione si teme che, archiviato il voto emiliano, l’esecutivo voglia concedere i porti a tutte le imbarcazioni attualmente nel Mediterraneo. Situazione sempre più critica. Che riapre molti interrogativi e polemiche proprio alla vigilia della riconferma degli accordi tra Italia e Libia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Flavio 28 gennaio 2020

    mi astengo da fare commenti reali per non essere tacciato come “fascista, razzista, xenofobo e quant’altro. ad ogni buon conto cancellare, solo per ripicca, leggi del precedente Governo (decreto sicurezza, limitazione degli sbarchi ecc..) non porta certo alla soluzione di tanti problemi che abbiamo in Italia. Solo una sinistra ottusa e corta di mente può considerare indispensabile lo Jus soli e l’arrivo indiscriminato di clandestini, è vero siamo siamo proprio messi male

  • Anna Maria Pilotto 28 gennaio 2020

    Che poi a quanto pare non hanno vinto proprio un bel niente, e gli è andata bene la riconferma con solo l’8% in Emilia rispetto all’avversaria. In Calabria hanno perso la regione ed infatti telegiornali, giornali stampati, dibattiti e varie, tacciono su questo risultato. A volte non so se i comunisti ci siano o ci facciano, però credo più probabile che, trattandosi del più grande inganno dell’umanità, con la menzogna riescano ad imbonire ancora qualcuno. Che un comunista volesse la cittadinanza per gli stranieri era immaginabile, che sfruttassero qualsiasi mezzo per far approdare inutili orde di falsi profughi -utili all’economia del partito- era pure pensabile, ciò che non capisco è come alcuni ancora si fidino delle parole di chi promette la luna e poi li deruba della terra su cui vivono, dando ad intrusi ciò che è loro di diritto. Siamo un popolo che non sa farsi rispettare, altrimenti il golpe di un anno fa al governo nessuno lo avrebbe accettato e, come altrove al mondo, saremmo scesi in piazza a rivendicare giustizia. Anna Maria

  • maurizio pinna 28 gennaio 2020

    Chissà che in nome delle fandonie sull’ odio , a dargli e ridargli , riescano a far passare anche qualche contagiato. Ma è mai possibile che codesta banda di farabutti in un momento così delicato se ne freghi e ci siano anche imbecilli che li applaudono!

  • In evidenza