Cellulare alla guida, prepariamoci a supermulte da paura

mercoledì 8 gennaio 16:49 - di Redazione

Il governo torna all’attacco con le campagne civiche. Ma non è solo. Il provvedimento in oggetto è diventato bipartisan. Per gli estimatori sono azioni etiche, per i detrattori un modo per incamerare risorse con sanzioni e tasse. Chi non ricorda le polemiche sulle merendine e la plastica. Ma in questo caso il quadro è un po’ diverso. Ci si occupa della brutta abitudine degli automobilisti di guidare utilizzando il cellulare. La Camera dei Deputati si appresta ad esaminare una nuova riforma al Codice della Strada che vuole portare le sanzioni, contro chi guida usando il cellulare, fino 1700 euro circa.

Secondo il Codice della Strada in vigore, la guida usando il cellulare è sempre vietata. Un divieto non generico. E’ vietata la telefonata come la consultazione del cellulare, l’invio di sms o chattare, rifiutare una chiamata fino l’impiego delle mappe per orientarsi con la strada. In pratica non si può toccare il telefono e distogliere le mani dal volante. Attualmente le sanzione per chi contravviene alle disposizioni vanno da 161 euro a 647 euro, con la decurtazione di 5 punti dalla patente. Se poi nei 24 mesi successivi al primo verbale si viene multati di nuovo per la stessa ragione la patente viene sospesa da 1 a 3 mesi.

Ma con le nuove norme che sono già state licenziate dalla Commissione Trasporti a luglio, in un clima appunto bipartisan, la Camera dei deputati sta proponendo un inasprimento dei provvedimenti. Si prevede un fortissimo aumento delle multe per chi guida con il cellulare : da un minimo do 422 euro ad un massimo di 1697 euro, e sospensione della patente fino a tre mesi in caso di recidiva. La guida col cellulare è una delle cause più rilevanti di incidenti stradali, insieme all’alta velocità, e con la distrazione in generale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giovanni vuolo 8 gennaio 2020

    Hanno davvero stancato. Questi imbecilli proseguono con l’equazione inasprimento delle sanzioni = maggior sicurezza. Ed invece stanno facendo solo danni ;con i limiti di velocità siamo all’assurdo : braccio armato per rapinare gli automobilisti. I limiti sono così bassi, che spesso è impossibile non incappare nelle imboscate. Frenate brusche, viaggi pieni di tensione… e la consuetudine a violare delle norme deliranti. Ancora non di capisce che bisogna agire sul senso di responsabilità e stimolare l’educazione civica.

  • Giuseppe Malaisi 8 gennaio 2020

    per chi guida telefonando al cellulare o addirittura scrivendo le multe contano poco, la sospensione della patente non serve a niente.
    ci sono migliaia di persone che guidano senza patente.
    serve il sequestro immediato dell’auto da uno a tre mesi la prima volta e la confisca in caso di recidiva.
    solo cosi finisce questo scandalo ripeto scandalo che causa morti e feriti peggio di una epidemia.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica