Cancellare Salvini. Anche Repubblica incita all’odio ma nessuno si indigna per il giornale di Scalfari

mercoledì 15 gennaio 14:14 - di Redazione

Cancellare Salvini. Recita così il titolo di prima pagina di oggi su Repubblica. Un titolo dal significato inequivocabile, e non proprio indulgente nei confronti del capo della Lega. Matteo Salvini lo ha subito rilanciato sulla sua pagina Fb con questo commento, altrettanto duro: “E poi loro sarebbero quelli che portano fratellanza e pace…Vergognatevi, vergognatevi, vergognatevi!”.

Sul tema interviene anche Vittorio Feltri, spesso al centro di polemiche roventi per i titoli choc del quotidiano Libero. Scrive Feltri su Twitter: “Oggi la Repubblica titola in prima pagina: ‘Cancellare Salvini’. Con la gomma o col mitra? Perché l’Ordine non cancella Repubblica?”.

Nessuna voce si è levata, tranne quella di Feltri, per far notare la violenza del titolo di apertura di Repubblica. Nessuna di quelle voci che in genere sono pronte all’indignazione quando appunto di mezzo ci sono i titoli ad effetto di Libero. Un anno fa il quotidiano fondato da Vittorio Feltri titolava così:  ‘Calano fatturato e Pil ma aumentano i gay’. In quell’occasione il sottosegretario con delega all’editoria Vito Crimi dichiarò il suo “disgusto”. Non meno accesi i toni dei detrattori contro un altro titolo di Libero: “La rompiballe va dal papa”, titolo che si riferiva a Greta Thunberg. Lo stesso Feltri, va ricordato, è rinviato a giudizio per il titolo “La patata bollente” riferito alla sindaca di Roma Virginia Raggi.

Si arrivò, in quelle occasioni, a minacciare il taglio dei fondi al giornale. Non c’è traccia oggi della stessa indignazione, ma neanche nelle forme più tiepide, rispetto all’espressione che Repubblica utilizza nel suo titolo e che risulta un chiaro riferimento all’annullamento dell’avversario.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo 16 gennaio 2020

    Indignato e schifato dalla violenza intestinale che al solito la sinistra sa esprimere contro gli avversari politici e comunque con chi non condivide e non si adegua alla loro arroganza politica.

  • Carlo 16 gennaio 2020

    Si sa. Che repubblica e un giornale comunista ormai i comunisti non sanno più che pesce pigliare per combattete salvini e una vergogna Scalfari dovrebbe vergognarsi pero si sa che per i comunisti tutti gli avversari sono nemici visto che repubblica ora e della famiglia agnelli mi meraviglio che non mandano a casa tutti quei vermi che sono nel giornale io per esempio non compreso mai un auto Fiat fin quando repubblica sara gestito da quei vermi giornalisti comunisti di merda viva salvini tanti nemici tanto onore lo diceva il grande duce

  • Zeffirino 15 gennaio 2020

    Ora ve ne accorgete chi sono i dittatori in Italia. Si è sempre saputo che la totalità della sinistra è totalitarista. Questi sono i veri fascisti di sinistra. Nessuno ha il coraggio di dirlo a chiare lettere.

  • In evidenza