Zingaretti contro Renzi: “Rischiamo il pasticcio, chi attacca il governo è matto”

domenica 22 Dicembre 18:27 - di Monica Pucci

Zingaretti dà del matto a chi attacca il governo. E non si riferisce, a quanto pare, all’opposizione, ma a Renzi. Che anche oggi spara a palle incatenate contro i grillini. Il segretario dei Dem, però, invita tutti ad andare avanti a tutti i costi,

Conte non è nel Pd, è un alleato del Pd“. Lo dice a Mezz’ora in più il segretario del Pd Nicola Zingaretti. “Se un presidente che prima stava di là, ora dice ‘sto meglio nel campo del centrosinistra’ per me è un fatto positivo”, prosegue Zingaretti. Che aggiunge: “Io ero contro il fatto che Conte fosse premier ma nel momento che c’è lui abbiamo il dovere di governare insieme e al meglio”. E ancora: “Non è che regalo il Pd a Conte, ma dobbiamo costruire un campo alternativo a Salvini. Abbiamo il dovere etico e morale di fermare queste destre con il buongoverno”.

Zingaretti e il governo del “pasticcio”

Per Zingaretti “se non si tiene alta l’asticella della qualità di questo governo, può diventare un pasticcio”. “Il governo vada avanti ma deve ricostruire la fiducia nel Paese” e questo deve farlo “anche combattendo il costo dell’incertezza”, aggiunge.

Da qui l’appello agli alleati a mettere da parte le divisioni all’interno delle maggioranza. “Basta con gli avversari, bisogna ricostruire una prospettiva di alleanza. Basta polemiche, costruiamo un’agenda condivisa e realizziamola”, dice il leader dem. Che si augura che l’agenda di governo “sia un programma non di titoli ma di provvedimenti e di azione. Se dobbiamo far finta, lasciamo stare”. “E’ da matti far parte di un governo e picconarlo tutti i giorni”, sostiene.

Il segretario Dem cauto con gli alleati grillini

Nel corso dell’intervista, il segretario del Pd ha anche parlato del ‘caso Autostrade‘, sottolineando che “la norma inserita ieri nel Milleproroghe “non credo che sia primo passo verso la revoca” delle concessioni autostradali.  “Ma rende più forte la dimensione pubblica nei rapporti con i concessionari”. “Se lo Stato trova delle forme per essere più autorevole nelle trattative io lo vedo come un fatto positivo”, dice.

A proposito del Piano Innovazione, Zingaretti spiega che “ieri è arrivato in Consiglio dei ministri un testo che tratta cose delicatissime, che andava verificato prima sul merito. Doveva esserci un confronto che non c’è stato. Ha fatto bene Franceschini a sospendere e chiedere di entrare nel merito”.

Infine sulla legge elettorale, Zingaretti afferma che “noi siamo gli unici al tavolo a spingere per un maggioritario a doppio turno, ma la priorità è togliere di mezzo questa pessima legge elettorale”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurizio pinna 22 Dicembre 2019

    Lo scrittore russo Vladimir Bukovsky fu il primo a denunciare, nel 1977, che nell’ Unione Sovietica esistevano dei manicomi criminali in cui venivano “ricoverati” coloro che parlavano male del Governo: quella dell’ ineffabile Segretario è una frase buttata lì o è una minaccia?