Meloni: “Conte la finisca di fare lo spocchioso. Non può dare lezioni a nessuno” (video)

mercoledì 4 dicembre 11:42 - di Gigliola Bardi
meloni

“Sono io che mi meraviglio del fatto che, nonostante le figure barbine che sta facendo questo governo, il presidente del Consiglio abbia ancora la faccia tosta di venire in aula con quella spocchia a dare lezioni a tutti. C’è poco da dare lezioni nella posizione in cui si trova Conte”. Ospite in collegamento di Tg2 Post, Giorgia Meloni, sollecitata dalle domande della giornalista Manuela Moreno, torna sulle parole di Giuseppe Conte che, nel suo intervento a Montecitorio sul fondo salva Stati, aveva detto di meravigliarsi delle critiche sollevate dalla presidente di FdI.

Meloni: “Conte si meraviglia anche di Di Maio?”

Meloni ribadisce quello che ha già spiegato: Conte non ha risposto nel merito, preferendo buttarla in polemica con l’opposizione. Tralasciando, tra l’altro, il fatto che anche Luigi Di Maio ha sollevato buona parte delle stesse obiezioni sollevate da lei e Salvini. “Conte si meraviglia anche del leader del partito di maggioranza relativa che sostiene il suo governo?”, ha chiesto Meloni.

Tutto quello che non torna sul Mes

Un tema, quello della crisi all’interno della maggioranza, che è stato affrontato anche dai giornalisti ospiti in studio: il direttore dell’agenzia Agi, Mario Sechi, e il direttore di Leggo Davide Desario.  I due direttori hanno poi intrattenuto con Meloni un dialogo di merito su tutte le incongruenze della narrazione di Conte e del governo sul Mes, dal tema degli impegni che aveva preso conte a giugno all’assenza del passaggio parlamentare sull’accordo. “Temi sui quali – ha rilevato Sechi – Conte non ha chiarito”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio Brandani 4 dicembre 2019

    Sechi dimostra sempre di essere un inguaribile “democristiano”.
    Speriamo davvero che presto si torni al voto e che il centrodestra si presenti unito con una candidata “donna”. Ci contiamo davvero!

  • In evidenza