Le Sardine già litigano con i Girotondi: «Gravissima l’apertura ai sovranisti»

martedì 10 dicembre 18:18 - di Marta Lima

Sardine e Girotondi hanno aspetti in comune ma non sono sovrapponibili. Quanto all’apertura a CasaPound, “va bene mettere alle spalle un certo settarismo ideologico e politico, ma invitare tutti in piazza, anche l’estrema destra, è francamente imbarazzante oltre che incoerente”. «Visto che questa blandisce ed è blandita da Salvini e dalla Lega mentre le proteste sono proprio indirizzate contro il sovranismo». Lo spiega all’AdnKronos l’ex leader dei Girotondi Pancho Pardi. Che segna una prima lite politica a distanza tra i vecchi e i nuovi movimentisti di sinistra.

Tanti punti in comune con i Girotondi

«I punti di differenza tra i Girotondi e le Sardine sono molto elementari ed evidenti – osserva Pardi -. Noi eravamo maturi se non anziani, diciamo 50-60enni mentre loro sono molto giovani, 20-30enni. Poi, noi avevamo alle spalle una maggiore esperienza politica da cui eravamo anche in qualche modo segnati all’interno della sinistra italiana. Loro appaiono liberi da pregiudizi politici, forse persino troppo sgomberi. Diciamo che sono meno gravati da dibattiti politici e ideologici oramai superati». Il carattere in comune, invece, “è più empirico”. «I Girotondi si sbracciarono all’inizio per dire che non volevano sostituirsi ai partiti né crearne uno nuovo. Ma soltanto fare da pungolo chiedendo solo di essere ascoltati».

«Ma ben presto scoprimmo che i partiti di centrosinistra non ci ascoltavano affatto», ricorda Pardi. «Questo atteggiamento pari pari lo mostrano anche le Sardine, affermando che vogliono solo esercitare un’azione culturale ma non politica, senza trasformarsi in partito. Ma soltanto per farsi notare e ascoltare. Ebbene, temo che anche la loro speranza di cambiare i partiti si dimostrerà fallace. Semmai, i politici faranno finta di ascoltarli per carpire il loro consenso elettorale».

La lite sull’apertura delle Sardine a CasaPound

Riguardo alla apertura della piazza a chiunque volesse partecipare, fosse anche CasaPound “mi pare francamente un eccesso di zelo da parte delle Sardine”, afferma Pancho Pardi. Per l’ex leader dei Girotondi, infatti, “va bene essere aperti e non settari e dimostrare così una saggezza politica, ma senza esagerare”. «Arrivare fino a CasaPound è davvero imbarazzante. Ma – osserva – dovrebbe esserlo anche per gli esponenti di CasaPound partecipare a manifestazioni di un movimento che esprime chiaramente la sua protesta contro Salvini, la Lega e i sovranisti, certo non respinti ma blanditi dall’estrema destra».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica