La Pascale vuole andare in piazza con le sardine. E loro: «Benvenuta, accettiamo tutti tranne i sovranisti»

sabato 7 dicembre 15:40 - di Giovanna Taormina
Pascale

La compagna di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale dice apertamente di stare con le sardine. L’endorsement arriva in un’intervista concessa all’Huffingtonpost dove la ammette di guardare «con interesse alle sardine». «Qui vi ritrovo elementi e quella libertà che furono propri della rivoluzione liberale di Berlusconi» esordisce per poi aggiungere: «Mi auguro non facciano come i grillini». Ma la confessione non finisce qui, perché la Pascale «valuterà il piacere di riscendere in piazza il 14 dicembre».

Francesca Pascale, l’augurio alle sardine

Le sardine animano le principali città italiane. «È sicuramente un sussulto civico contro un linguaggio che è risultato inattuale e pericoloso, illiberale, diseducativo. In grado di innescare odio», ribadisce. E poi ancora: «Si tratta di un fenomeno spontaneo, dilagante, animato da giovani. Quindi va guardato con rispetto, interesse e soprattutto non va sottovalutato. Un errore che a suo tempo è stato commesso con i 5 stelle. Ed il risultato è quello che è oggi sotto gli occhi di tutti. Perché etichettarlo come un gruppo manovrato da ambienti di sinistra, al fine di sminuirlo? Prima di chiedersi da chi è costituto bisognerebbe riflettere sul motivo che li ha portati a scendere in piazza. Le sardine “pescano”, pertanto, anche tra coloro che non hanno mai votato e che mai voteranno a sinistra, incarnano lesigenza di un cambiamento. Spero, però, che non accada quanto successo in passato ad altri».

La replica di Santori

A stretto giro di posta arriva la replica del leader delle sardine, Mattia Santori: «Non abbiamo bandiere proprio perché accettiamo chiunque voglia prendere posizione contro la retorica sovranista divisiva professata da una parte della destra. Rimane il fatto che in Emilia Romagna e non solo Forza Italia è alleata proprio con i principali artefici di questa retorica. Ma se viene con una sardina bella colorata, chiuderemo un occhio».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ADRIANA QUIRICO 8 dicembre 2019

    Caro Silvio Berlusconi, ti abbiamo ammirato, ti abbiamo votato a suo tempo, avresti potuto fare forse di più ma certamente gli ostacoli (soprattutto giudiziari) che ti hanno montato davanti avrebbero distrutto chiunque. Ma ora, per favore, liberati da queste donne troppo giovani e infantili. Goditi i tuoi figli e nipoti, che sembrano essere persone con la testa sul collo. e metti un tappo in bocca a queste “affezionatissime” che ogni volta che parlano danno l’assist alla sinistra contro di te!

  • Ben Frank 8 dicembre 2019

    Quando la barca (del cavaliere) affonda, le “tope” scappano…

  • eddie.adofol 8 dicembre 2019

    Eccone un’altra questa si è messa con Berlusconi solo perché il cavaliere è pieno di soldi, prova qualche volta ad andare a lavorare. PRIMA LE ITALANE VERACI-

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica