La notte da incubo di una 24enne: trascinata per i capelli fuori dall’auto, presa a sprangate e rapinata

lunedì 9 dicembre 17:48 - di Redazione
sprangate

Trascinata per i capelli fuori dalla sua auto. Presa a sprangate nello stomaco. Rapinata e lasciata dolorante e terrorizzata in strada mentre il suo aggressore fugge con la sua vettura. Poi, come riferisce il sito de Il Giornale denunciando l’accaduto, «l’auto rubata è stata rinvenuta a breve distanza dalla zona del furto. All’interno evidenti tracce di sangue e siringhe abbandonate sui tappetini. Il responsabile potrebbe essere un pregiudicato albanese»…

Trascinata fuori dalla sua auto, presa a sprangate e rapinata

Un’aggressione brutale. Un accanimento feroce. Una violenza inaudita quella scaricata sulla 24enne mentre rientrava a casa a Sedriano (Milano). Trascinata per i capelli fuori dalla sua auto, presa a sprangate sullo stomaco e rapinata: tutto da uo straniero poi fuggito a bordo della vettura appena sottratta alla vittima. La giovane, rimasta sola in strada. Terrorizzata e dolorante, è dovuta ricorrere alle cure del pronto soccorso soprattutto per il duro colpo sferrato dal pregiudicato sullo stomaco. la trappola tesa dall’uomo alla giovane di rientro a casa dopo una serata trascorsa in compagnia degli amici è degenerata in una rapina violenta. L’uomo ha sorpreso la vittima aprendo di forza all’improvviso la sua portiera. Poi, trascinatala per i capelli fuori dall’abitacolo, l’ha minacciata con una spranga di ferro. E tra il brandire l’arma e minacciarla, aggredirla è stato un attimo.

Choc, paura, dolore: la notte da incubo della 24enne

La 24enne, colta di sorpresa. Sotto choc e spaventata,  è stata colpita al ventre con furia violenta. E si è accasciata a terra dolorante. L’aggressore nel frattempo, è salito a bordo della vettura. Ha messo in moto. si è velocemente allontanato dalla zona dell’agguato, portando con sé anche la borsa e gli effetti personali della vittima. Come riporta allora il sito del quotidiano milanese diretto da Sallusti, «il quadro ha fatto supporre immediatamente ai carabinieri che l’autore del furto potesse essere un tossico alla ricerca di un facile guadagno. Da reinvestire nell’acquisto di una dose di stupefacente, probabilmente eroina. È dunque in quella direzione che si sono mosse le indagini da parte dei militari per risalire al responsabile, identificato proprio nelle ultime ore». A quanto risulta, si tratterebbe appunto di un uomo di nazionalità albanese. Un nome noto alle forze dell’ordine…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza