Governo nel caos: i renziani abbandonano il tavolo sulla manovra ma poi ci ripensano e tornano…

giovedì 5 dicembre 15:40 - di Giovanni Trotta
manovra Italia Viva

Manovra, ennesima spaccatura nel governo. Italia viva ha abbandonato il tavolo della manovra al Senato, dove ha avanzato le sue proposte per la totale abrogazione delle tasse sulla plastica e sulle auto aziendali e per l’eliminazione della sugar tax. Alle 17 si terrà un vertice a palazzo Chigi sulla manovra tra le forze di governo e il premier Giuseppe Conte per fare il punto sugli emendamenti della maggioranza. Probabilmente a Renzi è stato respinto il sub emendamento totalmente abrogativo della tassa sulla plastica, sulle auto aziendali e sulla sugar tax. Ma pochi minuti dopo ci ripensano. Italia Viva è tornata al tavolo sul ddl Bilancio al Senato. A comunicarlo è stata la senatrice Donatella Conzatti (Iv). “Dopo una sospensione, ora abbiamo ripreso regolarmente. Abbiamo fatto un chiarimento tra parlamentari e alle 17 le delegazioni della maggioranza andranno a Palazzo Chigi per il vertice con il Premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri”, ha detto a margine della riunione parlando con i giornalisti.

Manovra, critiche interne dalla sinistra

Ma anche da sinistra attaccano il governo rosso-giallo. “Sono contrario a questo aumento delle tasse che serve poi per compensare delle cose fatte in manovra di bilancio per ragioni di consenso politico. Poi vedi tasse ovunque, come capita a noi sindaci”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando a Rtl 102.5 l’ipotesi di aumento dell’Ires per i concessionari di servizi pubblici, in particolare concessioni radiofoniche, radiotelevisive e delle comunicazioni. “Credo che colpire chi fa informazione in generale, e in particolare l’editoria, sia sempre un errore, soprattutto in questi tempi in cui è difficile fare un’informazione corretta e plurale. Io sono contrario”, ha aggiunto de Magistris.

Gasparri: tassano tutto, governo di cialtroni

”È un governo di cialtroni. Con il nuovo emendamento alla legge di stabilità, che per altro non viene discussa con trasparenza e puntualità nelle Commissioni e nelle aule parlamentari, si aumenta la benzina, più tutta un’altra serie di consumi delle famiglie italiane. Autentici truffatori. Fingono di ridurre la plastic tax, che in realtà introducono e che bastonerà imprenditori, lavoratori e consumatori, ma aggiungono tasse su qualsiasi tipo di consumo familiare perché aumentano il costo delle concessioni. Ed in particolare si ha il coraggio di aumentare le tasse sulla benzina. Quelli di Palazzo Chigi sono degli autentici mestatori. Per fortuna saranno cacciati presto con un voto popolare che nessun artifizio potrà impedire. Attenti ad abusare del popolo italiano. Ora basta”. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI) .

”Manovra, nuove clausole di salvaguardia e aumento delle accise sui carburanti dal 2021. Ecco la ricetta del governo nella legge di bilancio. Tasse e ancora tasse. Evidentemente Pd-M5S-Iv-Leu sono già consapevoli che tra un anno non saranno più a Palazzo Chigi. #AcasaSubito”. Lo scrive su Twitter Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica