Giacomo Bulgarelli aveva il cuore che batteva a destra. Lo rivela il figlio: «Era del Msi»

giovedì 19 dicembre 11:11 - di Massimiliano Mazzanti
Giacomo Bulgarelli

Giacomo Bulgarelli era schierato a destra. Riceviamo e volentieri pubblichiamo un articolo di Massimiliano Mazzanti

Da più di 60 anni Giacomo Bulgarelli è la “bandiera” di Bologna. Non solo quella sportiva e calcistica. Lo è in senso autenticamente identitario. L’onorevole Giacomino, così veniva appellato al Dall’Ara, teatro delle sue imprese “pallonare”, vuoi per lo stile scanzonato e gioviale, ma, al contempo, serio ed educato. Riassumeva tutte le migliori qualità del capoluogo emiliano. E fa una certa impressione – pensando che gli anni del suo fulgore furono anche quelli della Bologna “capitale del Comunismo d’Occidente” e proprio oggi la giunta del Pd decide di dedicargli un piccolo monumento alla Certosa di Bologna – venire a sapere che Bulgarelli era un “onorevole” del Movimento sociale italiano.

Il figlio di Giacomo Bulgarelli si candida con la Borgonzoni

A fare questa piccola rivelazione, a poche settimane dalle Regionali, il figlio Stefano, il quale ha deciso di candidarsi nella lista civica a sostegno di Lucia Borgonzoni. Bulgarelli – scomparso esattamente dieci anni or sono – conquistò il cuore dei bolognesi quando, alla guida dei rossoblù che «giocavano come si gioca solo in Paradiso» nei primi anni ’60, rifiutò le offerte del Milan e di altre squadre “ricche”, pur di continuare a vestire la maglia per la quale aveva sempre tifato.

Il grande campione e quello scudetto nello spareggio

Gli annali ricordano come Giacomo Bulgarelli giocò in Serie A 393 partite “+ 1”, dove quel “+ 1” ricorda agli sportivi che guidò il Bologna e vinse coi rossoblù l’unico scudetto assegnato con una finale spareggio, contro l’Inter nel 1964. Tra i primissimi veri “registi” del Calcio, aveva anche familiarità col goal, segnandone 43 nella lunga carriera, tra il 1958 e il 1975. Inserito nella Halle of Fame del Calcio italiano, nel suo palmares, oltre allo scudetto del ’63/’64, due Coppe Italia; la Mitropa Cup; la Coppa di Lega Italo-Inglese; l’Europeo del 1968 con la maglia della Nazionale. Tutti premi che Bulgarelli conquistò indossando la maglia “rossoblù”, per proteggere un cuore dove ardeva la Fiamma tricolore.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica