Don Biancalani e il presepio blasfemo: Gesù clandestino col permesso di soggiorno. E dice: querelerò Salvini

martedì 10 dicembre 17:50 - di Redazione
biancalani

I preti in cerca di pubblicità non si riposano mai. Ci risiamo coi clandestini. Un presepe su un materasso, colorato, e appeso dietro il permesso di soggiorno di Gesù clandestino. Così il Bambinello nascerà quest’anno nella chiesa di Vicofaro, tra gli altri materassi che ospitano i giovani clandestini  nella parrocchia di don Massimo Biancalani. “Lo realizzeremo tutti insieme con i ragazzi che pur essendo musulmani sentono tantissimo il Natale – spiega all’Adnkronos don Biancalani. – Perché nel Corano si parla del concepimento di Maria e della nascita di Gesù che per loro è un profeta importante. La maggior parte di loro – aggiunge – sono poco più che bambini, ragazzi giovanissimi che festeggiano con noi, accettano il regalino… Insomma siamo una grande famiglia”. Don Massimo è orgoglioso dei suoi ragazzi, per questo non accetta che si affermino cose false su di loro. E per questo conferma l’intenzione di sporgere una nuova denuncia nei confronti di Matteo Salvini. Perché in un tweet dell’8 dicembre aveva affermato che ‘i cittadini di Vicofaro lamentano scene moleste ad ogni ora del giorno e della notte, compresi rapporti sessuali consumati sul cofano delle automobili’.

Biancalani nega i crimini dei clandestini

“È un dovere morale querelare un signore che ha una responsabilità nel Paese e che – afferma Biancalani – si permette di insinuare situazioni che non esistono. A Vicofaro – spiega – ci sono due o tre famiglie ostili ma per motivi ideologici. Per quanto riguarda i migranti non ci risultano comportamenti di questo tipo”, assicura il sacerdote. “Sesso sul cofano di una macchina? La loro religione gli ha trasmesso un tale senso del pudore che si vergognano persino di spogliarsi in più di uno alla volta quando devono fare la doccia. È impensabile che si siano verificati episodi del genere che nel caso ci sarebbero stati sicuramente riferiti. Ma così non è stato”, aggiunge. Ma è vero che a Vicofaro alcuni fedeli hanno storto il naso “e si sono allontanati silenziosamente” dopo la scelta della parrocchia di aprire le porte ai  clandestini ma “altri si sono avvicinati e si sono rimboccati le maniche come volontari”. Sembra che Biqancalani non legga i giornali e i crimini che i clandestini commettono ogni giorno.

Aprano chiese e conventi ai clandestini

E Biancalani è sicuro che quella dell’accoglienza sia la strada giusta, come del resto il suo Papa. “L’unica luce da seguire è il Vangelo – ricorda -. Spesso il Vangelo viene messo dietro le spalle e si fa prevalere l’aspetto di mediazione politica anche nella Chiesa: mediare per ritagliarsi degli spazi. Il modello Ruini, un approccio che papa Francesco ha raso al suolo, una linea superata. Il punto è che sul territorio c’è ancora tutto un episcopato formato a quella linea. Ma Francesco ci richiama al Vangelo”. Fu proprio il Pontefice infatti nel 2015 a invitare parrocchie e monasteri ad aprire le porte per accogliere almeno una famiglia di profughi. “Noi dal Papa abbiamo ricevuto l’esortazione ad andare avanti anche in questo modo creativo, povero, con i materassi per terra – riferisce Biancalani – E l’altro giorno (il 4 dicembre) l’elemosiniere del Papa, il cardinale Krajewski, ha ribadito l’appello ad aprire canoniche, conventi, monasteri per ospitare ognuno almeno una famiglia”. Ecco, sarebbe ora. “Ci sono persone che vengono qui solo per dormire o per rifocillarsi, altre per usufruire del nostro sportello medico, sindacale o legale. Solo un 30-40 per cento da noi sono fissi. Anche perché i migranti – spiega don Massimo – anche quando arrivano in Italia continuano a essere migranti: si spostano in cerca di lavoro”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurizio pinna 10 dicembre 2019

    Si chiamava Ettore Boschini ma lo chiamavano Fratel Ettore, era un prete Camilliano. Iniziò realizzando un rifugio per “barboni” nel tunnel sotterraneo della Stazione Centrale di Milano a cui seguirono altre opere simili. Non andò mai in televisione, fu intervistato solo un paio di volte alla radio e per pochi minuti, faceva anche lui il “normale” presepe e , che mi risulti, non ha mai odiato nessuno. E’ tornato alla Casa del Padre nel 2004. Oggi abbiamo i Biancalani.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica