Brutale pestaggio a Parma, cade a terra massacrato di botte: è in fin di vita. Fermato un moldavo

domenica 8 dicembre 19:23 - di Redazione
soccorsi dopo brutale pestaggio

Quando i carabinieri fermano un 29enne moldavo, lui ha ancora le mani gonfie per le botte che ha sferrato alla vittima. Un uomo di origini ucraine, che ora si trova in ospedale a Parma, dove versa in gravi condizioni. Un episodio di violenza inaudita, che si è concluso con un arresto e un ricovero.

Brutale pestaggio a Parma: arrestato un 29enne moldavo

Dunque l’uomo brutalmente aggredito e malmenato, è stato trasportato in  elisoccorso al Maggiore di Parma, dove è ricoverato in gravi condizioni per le botte subìte a seguito di un violento pestaggio. Un’aggressione feroce avvenuta in via Diaza, poco dopo le 14 di oggi. Per questi motivi i carabinieri della stazione di Boretto, con i colleghi del Nucleo radiomobile della compagnia di Guastalla, hanno arrestato un cittadino moldavo noto ai militari per pregresse vicende legate alla sua indole aggressiva. Come anticipato, quando i militari fermano l’autore del brutale pestaggio, lui ha ancora le mani gonfie per le botte inferte alla vittima. Per questi motivi i carabinieri della stazione di Boretto hanno arrestato il 29enne Ion Ciorba originario della Moldavia con cittadinanza italiana residente Boretto. L’accusa è di lesioni personali aggravate. Al termine delle formalità di rito, le forze dell’ordine lo hanno portato nel carcere di Reggio Emilia, dove è a disposizione della Procura reggiana.

Pugni, schiaffi e calci: la vittima cade a terra esanime

Per cause, ancora al vaglio dei carabinieri di Boretto, che stanno conducendo le indagini, tra l’aggressore moldavo 29enne e un cittadino ucraino di 39 anni, è scoppiata un’accesa lite. Complice anche l’uso smodato di bevande alcooliche. Dalle parole i due sono passati ai fatti. Con il 29enne che ha esordito scagliando contro il malcapitato tutta la sua violenza. Riempendolo di pugni, schiaffi e calci, sino a farlo tramortire al suolo. Una violenza inaudita quella raccontato dai testimoni che hanno assistito al pestaggio e che terrorizzati per quanto stava accadendo hanno chiamato il 112 dei carabinieri e i sanitari del 118. per fortuna, i carabinieri di Boretto sono arrivati immediatamente sul posto, insieme ai colleghi del nucleo radiomobile di Guastalla. Entrambi i gruppi hanno fatto molta fatica per riuscire a calmare l’uomo e fermarlo. Contestulamente i soccorritori  giunti sul posto hanno trasportato la vittima del pestaggio in ospedale. Mentre l’aggressore andava in caserma a Boretto. Dove è poi stato formalizzato l’arresto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza