Trenta col trucchetto si tiene l’alloggio nel centro di Roma: lo fa assegnare al marito

domenica 17 Novembre 10:37 - di Vittoria Belmonte
Encomiopoli

Elisabetta Trenta, ex ministro della Difesa, usufruisce ancora dell’alloggio di servizio anche se non ne avrebbe diritto, visto che non fa più parte del governo. E che alloggio. Una casa di alta rappresentanza nel cuore di Roma. L’imbarazzante vicenda, finita in prima pagina sul Corriere, è l’ennesimo boomerang che si abbatte sul M5S. Il movimento che contestava i privilegi della casta ed è rimasto invischiato nelle stesse dinamiche che intendeva demolire.

Trenta e l’alloggio di alta rappresentanza

Fiorenza Sarzanini ricostruisce l’intera vicenda. Elisabetta Trenta da ministro della Difesa ottiene l’alloggio di servizio nel cuore della Capitale, zona San Giovanni. E ci rimane anche da non ministro. Come? Lo fa assegnare al marito, maggiore dell’Esercito, Claudio Passarelli. Non solo: c’è il sospetto che la concessione sia avvenuta aggirando i regolamenti.

“La coppia – scrive Sarzanini sul Corriere – ha infatti una casa di proprietà nella Capitale e dunque non sembra avere necessità di usufruire dell’alloggio. In ogni caso il livello 1 attribuito al momento di scegliere la casa per la ministra è molto superiore a quello previsto per l’incarico e grado del suo consorte”.

Elisabetta Trenta diventa ministro della Difesa nel giugno 2018. All’epoca, pur avendo una casa di proprietà al Pigneto, chiede una nuova residenza che le viene assegnata. Procedura che già risulta un po’ anomala: infatti i componenti del governo che hanno già una casa a Roma in genere vi rimangono. Solo che attorno alla loro abitazione vengono assunte misure di sicurezza particolari, adeguate al rango dei proprietari. Nel caso di Elisabetta Trenta no: lei si trasferisce in un nuovo alloggio, una casa “di alta rappresentanza” vicino alla piazza San Giovanni in Laterano.

Prima della crisi di governo, racconta ancora il Corriere, la Trenta decide “di rendere definitiva l’assegnazione”. Si è affezionata alla nuova casa, evidentemente. Così fa intestare l’appartamento, di proprietà del ministero della Difesa, al marito Claudio Passarelli, pur mancando quest’ultimo dei requisiti necessari. A fine agosto, quando cade il primo governo Conte, l’operazione è conclusa. Elisabetta Trenta darà spiegazioni ai cittadini e al M5S, ex partito dell’onestà?

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GianPaolo 19 Novembre 2019

    la fa intestare al marito perché lui non è residente nella casa di lei al pigneto.
    quindi, lei non ne aveva più diritto e la passa a lui residente in altro comune.
    schifo allo schifo.

  • Antonio 18 Novembre 2019

    Perché no le si requisisce la sua casa che ha al pigneto?

  • Michele 18 Novembre 2019

    Luigi Di Maio dal TAXI al Giulietta con AUTISTA ”SECONDO LA FILOSOFIA GRILLINA M5S E’ UN PRIVILEGIO DELLA CASTA?

  • Ruggero Longari 18 Novembre 2019

    Vabbe è una e verrà cacciata …si spera. E quelli di F.I. della Lega di F.d.I. quanti sono?

  • Vincenzo 17 Novembre 2019

    Ma l’alloggio è rimasto ASI o è passato AST?

  • Giovanni 17 Novembre 2019

    L’onestà è un valore che va bene solo per gli altri ma i 5s a che onesta’ si stanno riferendo?