Sondaggio Ghisleri, il governo sprofonda al 28%. A Conte & C. non crede più nessuno

sabato 2 novembre 10:37 - di Gabriele Alberti
Governo

La Ghisleri fa notare altri aspetti negativi di una manovra senza idee: “Anche imporre scelte salutistiche o ecocompatibili, come le bevande non zuccherate o gli involucri plastic free, percepite dalla maggioranza della gente come più costosi, dimostrano una scarsa sensibilità soprattutto verso i redditi più bassi. Sono piccole sfumature, però sulla vita quotidiana di ciascuno hanno effetti diretti più tangibili dello spread”.

Ghisleri: «Per gli italiani il governo non ha progetto”

Si passa poi alla fiducia nei rappresentanti di questo governo non voluto dagli italiani. Il premier Conte? “La fiducia è in calo, perde ancora nella ultima settimana. Il suo gradimento si attesta al 35%”. La foto di Narni ha rappresentato una mannaia anche nel giudizo di Alessandra Ghisleri. Con quella foto ha ottenuto”un doppio effetto negativo: ha perso credibilità nei confronti degli elettori di altri schieramenti. Ma non convince neppure gli elettori Pd e M5s che se devono avere un premier politico preferirebbero averne uno espressione diretta del loro partito di riferimento”.

Sondaggio: gli italiani bocciano la manovra

Il governo, evidenzia poi Ghisleri, “convince poco meno di un elettore su tre, precisamente il 28,3%”. Quanto al M5S “il problema è arrivato quando si è separato dal popolo per diventare classe politica. È diventato un partito come gli altri. Sono diventati anche loro parte della casta che combattevano, vengono letti così”. E Renzi? “La maggior parte di cittadini ha interpretato la nascita del suo partito come un’operazione di palazzo a cui fa seguito un’operazione di territorio. Renzi deve fare un salto per riaccreditare il suo progetto politico futuro. Uso una brutta parola: deve migliorare il suo profilo etico- politico, cioè riscattare la sua immagine“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza