Paragone furioso con Di Maio e Grillo: «Dite solo str… Beppe ha perso la bussola»

lunedì 25 Novembre 15:30 - di Milena De Sanctis
Paragone

«Il video Grillo-Di Maio? È il video del benaltrismo, del pensare al domani perché non sappiamo fare le cose oggi. In attesa del mondo perfetto, riusciamo a fare le cose palla a terra?». Gianluigi Paragone, parlamentare dei 5S, spara a zero contro l’endorsement di Grillo a Di Maio. Il leader dei 5S  è accerchiato  da ogni parte, i suoi risultati sono fallimentari e sono in molti a volere la sua testa: dagli iscritti alla piattaforma Rousseau ai parlamentari malpancisti. Ma l’aiutino di Grillo per blindare, almeno temporaneamente, la leadership di Luigi Di Maio e dare un’ulteriore sferzata filo-Pd al M5S è patetica. E se ne sono accorti tutti. A cominciare da Paragone.

Paragone: «Basta coi decreti ad minchiam»

Ma Paragone non risparmia neppure il premier, reo di aver stipulato con l’Ue un presunto accordo segreto.  «Riusciamo a mettere a tema il fatto che le case pignorate perdono la metà del valore e i proprietari rimangono sempre impiccati al loro debito?», dice Paragone che poi aggiune: «Grillo ha fatto questo video bellissimo, a parte la stronzata del dateci un voto come si dà un euro… vuol dire che ormai hai perso la bussola».  E poi ancora: «Perché non ci occupiamo delle aste fallimentari? Ho detto a Bonafede: sei bravissimo, ti stimo, ti prego metti la testa nei tribunali fallimentari. Lì ci sono i condor che si avventano sulle vittime. Questa è un urgenza, fanno tanti decreti ad minchiam, facessero anche questo. Il Parlamento non conta nulla, è ingolfato e bypassato, passa tutto dal governo», prosegue Paragone. Poi l’attacco al governo.

L’attacco al Mes

«Voglio vedere cosa farà il governo – dice Paragone ai microfoni di Radio Cusano Campus – Il Mes è fatto appositamente sull’Italia, perché hanno paura del nostro debito pubblico. Ma siccome tu mi hai fatto entrare in Europa con questo debito pubblico, non mi chiedere di ristrutturarlo quando tutti i Paesi sono in crisi. Adesso tutti diranno che il Mes non è pericoloso perché gli italiani stanno iniziando a capire, ed è partita la controinformazione. I membri del Mes godono di una immunità totale, che non ha neanche il capo della Bce. E’ normale che Gentiloni dica basta polemiche perché danneggiamo i mercati? È la conferma che l’Ue col popolo e con la politica non c’entra nulla».

«Sono diventati europeisti»

Paragone gioca a carte scoperte «Siccome il Parlamento può decidere se porre il veto o no, io non lo voterò mai, non vado a rovinare la vita degli italiani e non voglio lasciare solo a Salvini la bandiera di una lotta di buon senso. Nel programma del M5S – insiste il parlamentare – c’erano scritte cose diverse da quelle che sento dire a Conte. Se loro hanno cambiato idea chi è fuori dal M5S sono tutti gli altri. Se sono diventati europeisti me lo devono dire e mi devono sbattere fuori. Noi abbiamo preso i voti su quel programma elettorale, se hanno cambiato idea devono andare in piazza a dire che sono europeisti, che vogliono il Mes e a quel punto si prenderanno i vaffanculo della gente, qualche vaffanculo ci tornerà indietro».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ignazio secci 7 Dicembre 2019

    Bravo Paragone,la tua onesta è integra…..se lasci il movimento 5 stelle….sei anche uno da votare ad occhi chiusi…..Bravo non renderti colpevole del tentativo di rovinare l’Italia e gli italiani.

  • Claude 6 Dicembre 2019

    Tu dovevi gia andartene allindomani del patto cn il PD nn sei credibile finche nn te ne vai

  • patrizia canito 25 Novembre 2019

    Caro paragone salvini avrà anche sbagliato, nessuno è perfetto però sono convinta che si può lavorare, non voglio essere ne razzista ne retorica ma in Italia abbiamo bisogna di persone che vogliono inserirsi no di extracomunitari che arrivano si ubriacano pisciano, violentano spacciano vorrei poter andare in giro senza queste paure

  • Virginia Vianello 25 Novembre 2019

    Nessuno nel M5S né Bonafede metteranno mai il naso nei tribunali fallimentari. Mi meraviglio che Paragone non sappia del sottosegretario Mario Turco, da Taranto da quello che si legge sui vari siti locali, sul fq e su next quotidiano. Vi suggerisco di riprendere ad investigare.
    https://lamalalingua.it/masseria-galeota-una-strana-storia/
    https://www.nextquotidiano.it/mario-turco-masseria-m5s/
    https://www.basilicata24.it/2019/11/sottosegretario-del-m5s-la-masseria-laffare-senza-scrupoli-70392/

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica