4 Novembre, il presidente dei parà attacca: «Non mi aspetto che il governo faccia il suo dovere»

lunedì 4 novembre 16:11 - di Redazione

“La Festa del 4 Novembre è importante ed è stata celebrata giustamente e doverosamente da Mattarella, dai presidenti delle Camere e dai vertici delle Forze Armate all’Altare della Patria come da tradizione consolidata. È un atto dovuto che si ripropone nei confronti del Paese. Purtroppo il 4 novembre non è una festa a tutti gli effetti nel senso che non è una giornata festiva come una volta. Quando tutti si fermavano in omaggio ai caduti della nostra unità e indipendenza nazionale. Ora l’indipendenza non è più di moda. Da tanti anni si celebra in maniera più dimessa rispetto al passato”. Lo afferma all’Adnkronos il generale Marco Bertolini, presidente dell’Associazione nazionale paracadutisti.

“Il 4 Novembre è l’unica festività civile che non è divisiva e ricorda un giorno in cui tutta l’Italia ha vinto la prima guerra mondiale”. E   il “suo rango di nazione vincitrice del conflitto”.  Il 4 Novembre meriterebbe quindi “più enfasi e più importanza nell’opinione pubblica”.

Bertolini accenna anche alle polemiche per la parata del 2 giugno. E ricorda che l’ex ministra della Difesa Trenta  aveva interpretato a  in maniera “errata la riccorrenza.   Il nuovo ministro Guerini  è invece “molto più attento” è stato presidente del Copasir ed è stato a contatto con realtà internazionali più del suo predecessore”.

Tuttavia, osserva Bertolini, per le Forze Armate “servono investimenti importanti” e “i precedenti governi di centrosinistra non hanno fatto niente per le Forze Armate quindi non mi aspetto che questo governo faccia quello che dovrebbe”. “Non credo che userà le Forze Armate per ribadire la propria sovranità – conclude – cosa che fanno tutti gli altri Paesi, come Francia e Germania, per le quali le Forze Armate sono strumento di politica estera e non solo di Difesa, e servono anche per rivendicare sovranità, termine che in Italia è invece criminalizzato”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GIUSEPPE NISTICO' 5 novembre 2019

    SAREBBE GIUSTO CHE IL PROSSIMO GOVERNO (vero) PORTASSE LA FESTA DEL 4/11/ AL RANGO DI TUTTE LE RICORRENZE ‘ NAZIONALI CON IL GIORNO
    FESTIVO,DANDO LA POSSIBILITA’ AI CITTADINI, STUDENTI AL POPOLO TUTTO ,DI POTER PARTECIPARE ALLE CERIMONIE E SENTIRSI VICINI AI PROPRI SOLDATI,E ALLE TRADIZIONI PATRIE.

  • Carlo Cervini 5 novembre 2019

    Mi dispiace, ma i festeggiamenti del 101° anniversario della vittoria, festa delle FF AA ieri hanno fatto schifo, i media gli hanno quasi ignorati, i tempietti con i caduti nei cimiteri chiusi e sigillati…………..la solita e perdurante divisione tra i caduti del 1915/18 e quelli del 1940/45, un vero schifo……………disgraziatao quel Paese che ignora o dimentica le sue radici e la memoria di chi ha dato la propria vita per lui. Vergogna !

  • Giancarlo 5 novembre 2019

    Persone come Bertolini dovrebbero ricoprire cariche Istituzionali

  • Giuseppe Forconi 5 novembre 2019

    Una sola domanda generale Bertolini, ….. Perche’ non abbiamo piu’ la ” Leva” il buon e giusto servizio militare? La naja che forgiava i giovani al rispetto, all’educazione’ alla difesa dello Stato e al patriottismo e li preparava, per quelli che volevano, verso una carriera militare di tutto rispetto. Generale, lo chieda a questi quattro cialtroni che si sentono capi di governo.

  • In evidenza