La Carfagna scopre le carte: “FI con Renzi? Si, se molla il governo”

sabato 9 novembre 13:05 - di Eugenio Battisti
Carfagna

Il feeling con Matteo Renzi non è più un segreto. Mara Carfagna, da tempo a disagio nell’attuale Forza Italia, troppo “salviniana”, conferma di essere tentata dal progetto centrista dell’ex segretario dem. «Se Renzi dichiarasse di non voler più sostenere il governo di sinistra. Ma di avere altre ambizioni forse Forza Italia Viva potrebbe essere una suggestione». Parole chiare quelle della  vicepresidente della Camera, che da tempo pensa a un futuro diverso per il partito berlusconiano.

Carfagna: Forza Italia Viva? Una suggestione

Reduce da una cena con il Cavaliere ad Arcore per ricucire i rapporti deteriorati dal forfait  alla manifestazione di San Giovanni, la Carfagna parla di una fase fluida. Nella quale, lascia capire, tutto più succedere. «Questa  è una fase di passaggio per la nostra comunità. Cosa accadrà nelle prossime ore e nei prossimi giorni non lo so, su questo ci stiamo ragionando. Ci sono persone che dopo 25 anni non si trovano più a loro agio in Forza Italia».

Vedo una destra-destra. Serve equilibrio

Possibile candidata alle regionali in Campagna, la parlamentare azzurra, ex fedelissima di Silvio, precisa che non farà giravolte ma attacca ad alzo zero l’estremismo della Lega. Una sudditanza psicologica che sembra inchiodare Forza Italia al 5 per cento. «Il mio campo di gioco resta quello del centrodestra. E la mia ambizione è farne uno alto, nobile, coraggioso autorevole e non autoritario. Ho molto rispetto per Matteo Renzi ma non è un percorso sovrapponibile al mio». Se però staccasse la spina al Conte bis le carte di rimescolerebbero.

Forza Italia è succube dell’estremismo di Salvini

«Oggi io non vedo un centrodestra, vedo una destra-destra. Va riequilibrato. Ora – spiega – mi sembra che Forza Italia abbia preso un’altra strada e la Commissione Segre è emblematica, avremmo dovuto votare a favore di quella commissione. È stato commesso un errore che  ci fa del male dal punto di vista dei consensi e delle alleanze europee».

Del destino della Carfagna, nelle ultime settimane, si è ipotizzato di tutto: dal passaggio in Italia Viva di Renzi alla creazione di un soggetto moderato filogovernativo passando per un asse con Giovanni Toti. Molto dipenderà dai “dettagli” della pace fatta con Berlusconi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gianfranco 9 novembre 2019

    Ma io non capisco ma forza italia ma è della carfagna se vuole far morire questo partito faccia come Alfano. Non so se notano i fenomeni di fi italia che il partito riprende consensi nei sondaggi proprio quando si parla di abbandonare il partito da parte di alcuni esponenti dello stesso. Voglio dire che si sono persone come me che non votano piu fi proprio per persone come la carfagna perché non ce piu fiducia. Quasi tutti i parlamentari di fi sono come la luna vivono di luce riflessa dell’unico leader del partito e cioe Berlusconi vorrei proprio vederli alle elezioni con un nuovo partito senza Berlusconi nemmeno lo 0, prenderebbero. E Berlusconi che aspetta a cacciarli tutti. Grazie e buona sera

  • Antonio 9 novembre 2019

    La commissione SEGRE?. Non sa di cosa parla,altrimenti non direbbe ;è stato commesso un errrore.Lei è in errore e non lo sa .Peccato

  • In evidenza