In Piemonte torna la tradizione. La regione alle scuole: “Promuovete il Natale, il Presepe, i canti…”

martedì 26 Novembre 11:55 - di Redazione
Piemonte

«Disponibilità a valorizzare, all’interno della propria scuola, ogni iniziativa legata al Natale”. A partire dall’allestimento di Presepi e dallo svolgimento di “recite o canti legati al tema della Natività». E’ questo l’invito che l’assessore regionale all’Istruzione, Elena Chiorino (FdI), ha inviato in una lettera indirizzata ai dirigenti scolastici di tutte le scuole del Piemonte di ogni ordine e grado. Dagli asili nido agli istituti superiori.

Tenere alta in Piemonte la bandiera della tradizione

Una richiesta, quella di Chiorino (nella foto), che – al di là del significato del Natale cristiano – va nel senso della valorizzazione delle tradizioni, della cultura e dell’identità del territorio e dei suoi abitanti. «Ritengo – scrive Chiorino – che la ricorrenza natalizia e le conseguenti tradizioni come il Presepe, l’Albero di Natale e le recite scolastiche ispirate al tema della Natività, siano parte fondante della nostra identità culturale e delle nostre tradizioni che la Regione Piemonte intende tutelare e mantenere vive».
Una scelta che vuole essere inclusiva anche per i ragazzi che frequentano le scuole piemontesi, ma che provengono da altre realtà, con usi, costumi o credi differenti: «E’ evidente – ha scritto l’esponente del partito di Giorgia Meloni ai dirigenti scolastici – che la conoscenza delle nostre tradizioni scevra da qualsivoglia connotazione ideologica, sia un supporto alla piena integrazione per chi proviene da altre realtà».

Un diritto per i nostri figli

Quindi via libera alle vecchie care tradizioni del Natale a scuola, come le recite, i canti e l’allestimento dei Presepi. E senza che tutto questo possa urtare la suscettibilità di qualcuno. «Credo – osserva ancora l’assessore piemontese di Fratelli d’Italia – che non si possa e non si debba privare i nostri ragazzi, e soprattutto i nostri bambini, dell’atmosfera e della magia del Natale. Per coloro i quali vengono da altre realtà, si tratta inoltre di una preziosa occasione per conoscere usi e costumi del Paese in cui vivono. A tutto vantaggio di una più concreta e armoniosa integrazione culturale e, di conseguenza, anche sociale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Raffaele 27 Novembre 2019

    Signore e Signori:

    il giornalista turco Mustafa Akyol ha detto che anche i musulmani devono celebrare il natale di Gesu’, come e’ anche annunziata nel Corano. La Sura (capitolo) XIX del Corano e’ dedicata a Maria Vergine, Madre di Gesu’, che e’ venuto al mondo per salvare tutto il mondo dal male. Quindi la celebrazione del natale non offende nessuno. Il Corano dice che
    “LA TORAH DI MOSE’ E IL VANGELO DI GESU’ SONO LUCE E GUIDA PER LE GENTI”.

    Il Corano annunzia la Nascita di Gesu’ al mondo, lo annunzia anche ai musulmani:

    “quando gli angeli dissero: In verita’, o Maria, Dio ti ha eletta, ti ha Purificata ed Eletta, fra tutte le donne del mondo… O Maria, Dio ti annunzia la Lieta Novella di Una Parola da Lui proveneinte, il suo nome e’ messia, Gesu’ Figlio di maria, eminente in questo mondo e nell’Altro, Uno dei piu’ vicini a Dio. Dalla CULLA parlera’ alle genti e nell’eta’ adulta sara’ tra gli uomini devoti e Dio gli insegnera’ il LIBRO e LA SAGGEZZA, la TORAH e il VANGELO”.

    La prima Sura del Corano e’ una preghiera di mostrare al mondo ‘LA DRITTA VIA” CHE E’ LA TORAH DI MOSE’ E IL VANGELO DI GESU’ CHE SONO LUCE E GUIDA PER LE GENTI”. Speriamo che gli Imam spieghino questo ai loro fedeli islamici nelle moschee del mondo, invece di predicare odio e morte contro i cristiani… Cantiamo insieme: GLORIA IN EXCELSIS DEO, PAX HOMINIBUS BONAE VOLUNTATIS, HOSANNA IN EXCELSIS… bUON NATALE A TUTTO IL MONDO.