Emilia Romagna, Fratelli d’Italia denuncia la scarsità di medici: “Assumere anche neolaureati”

lunedì 18 novembre 18:46 - di Redazione
callori fdi emilia romagna

Emilia Romagna, il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Fabio Callori, ha presentato un’interrogazione alla giunta regionale. Chiede che si risponda alla “grave scarsità di medici e in particolare di specialisti ospedalieri soprattutto nelle strutture di emergenza-urgenza”. Chiede inoltre “come intenda procedere per garantire ai pronto soccorso il personale necessario”. Callori, quindi, cita la proposta di 200 direttori dei pronto soccorso emiliano-romagnoli, Costoro chiedono di “assumere in via temporanea medici non specialisti, anche neo-laureati, o con una specializzazione diversa, da iscrivere contestualmente in sovrannumero alle scuole di specializzazione di Medicina di emergenza”.

La regione Emilia Romagna sottostima le necessità

Per evidenziare la situazione, il capogruppo di Fdi porta sul tavolo della giunta i numeri. “In Emilia Romagna – sottolinea – è previsto un ammanco netto di 597 medici al 2025. Le carenze principali riguarderanno la Cardiologia, con 145 unità in meno, la Pediatria con 95, la Psichiatria con 93, la Radiodiagnostica con 91, la Medicina dell’emergenza e urgenza con 76 e la Medicina interna con ben 238 medici”. Dunque, “il fabbisogno dichiarato dalla Regione per il periodo 2018-2025 è sottostimato in valore assoluto. E pare congruo solo per alcune specialità: infatti, sembra inadeguato per la Medicina interna (422 pensionamenti a fronte di un fabbisogno espresso di 280 unità), e Pediatria (fabbisogno di 512 medici contro 492 pensionamenti)”. Criticità “importanti”, secondo l’esponente di Fdi, si registrano anche nei pronto soccorso.

“Rischiano la chiusura perché molte strutture non sono più in grado di coprire e programmare i turni”. Dunque, riguardo alla proposta avanzata dai 200 direttori di pronto soccorso, tra cui il primario di Piacenza, Callori chiede alla giunta cosa ne pensi e come voglia metterla in campo.

Callori nominato capogruppo regionale

Intanto si apprende che lo stesso Callori, piacentino, 55 anni, è il nuovo capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Emilia-Romagna. Subentra all’ex capogruppo Michele Facci, dimessosi ed entrato nel Gruppo misto. “È per me un grande onore ma anche una grande responsabilità. Perché ci avviamo alla fase finale della consiliatura – spiega Callori -. Abbiamo l’obbligo di guardare avanti, pensare al futuro della nostra regione”. “Mi auguro – aggiunge – che a partire dalla mia nomina tutto il Partito Fratelli d’Italia imbocchi con sempre maggiore convinzione la strada del rinnovamento e del cambiamento. Rispetto a chi ha da sempre governato questa Regione, a mio parere fattori che alla luce del quadro politico nazionale sul nostro territorio non sono più rinviabili. In Emilia-Romagna c’è una destra combattiva e desiderosa di andare al potere convinta di sconfiggere questa stantia sinistra”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza