DiMartedì, Vittorio Sgarbi a Floris: «Ho sostituito “st****o” con capra. E ti dico perché» (video)

mercoledì 6 novembre 12:48 - di Renato Fratello
Sgarbi e il suo motto "capra"

“Capra, capra, capra”. Vittorio Sgarbi a DiMartedì, in collegamento con Giovanni Floris, stupisce pubblico in studio e telespettatori. Svela un retroscena sul suo tormentone più famoso. E cioè quel “capra! capra! capra!” diventato famosissimo . Un tormentone che è stato ripetuto a raffica nelle sue ospitate nei salotti tv e nei suoi video su Facebook. Nel tempo, la capra è diventata, infatti, una vera e propria icona per lo stesso Sgarbi. Spesso sui social ha pubblicato diverse foto che lo ritraevano in compagnia di capre. «Sapete perché ho sostituito str***o con capra? Perché mi sono accorto che dicendo capra a qualcuno non venivo querelato. I ragazzi mi fermano e vogliono sentirsi dire: capra!». Sgarbi a DiMartedì presenta il suo ultimo libro Diario della Capra scritto per gli studenti

Sgarbi: «La parola capra stabilisce una familiarità»

«La capra è una persona che ha bisogno di essere edotta – dice – Quindi non ha un’indicazione negativa, nonostante  si era creato un gruppo che voleva difendere l’onore della capra. La parola capra stabilisce una familiarità tra il mondo dei giovani e quelli che hanno la mia età. Nasce tutto una memoria dell’infanzia, mio zio diceva “capra” perché la capra è ignorante». E poi ironico spiega anche su Twitter: «La capra va in gregge ma è anche molto intuitiva, quindi non è un insulto. Diventa qualcosa con cui viene riconosciuto, come quando ti intitolano una via. Da morto io sarò Vittorio Sgarbi, polemista. Tra parentesi “capra”».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza