Dieci campane a morto per il governo Conte. E Mattarella deve rispettare il popolo italiano

sabato 30 novembre 6:00 - di Francesco Storace

Sono almeno dieci le campane che suonano a morto per il governo Conte. C’è una maggioranza dilaniata su tutto, che è tenuta assieme solo da questo bluff di una coalizione parlamentare autorizzata dal Quirinale a fregarsene degli orientamenti popolari. E’ il teorema di Mattarella, con cui è nato il secondo e già sbilenco governo Conte con la coperta istituzionale. Ma anche il capo dello Stato non può ignorare a lungo il nostro popolo. Ne va del decoro della Nazione, della credibilità delle istituzioni. Perché lo scontro è praticamente su tutto.

Mattarella vuole starne fuori, ma questo governo e questo premier sono opera sua. Stanno compiendo autentici disastri.

I disastri di Conte e la coperta di Mattarella

Botte da orbi sul SalvaStati e meraviglia che non ci sia al Colle qualcuno che consigli Conte di non dire sciocchezze. Salvini, all’epoca del caso Diciotti, fu “salvato” da una decisione condivisa dalla sua maggioranza e dall’opposizione di centrodestra. Conte si adeguò forse per opportunismo? Spieghi invece con molta chiarezza e senza minacce, il premier, perché ha impegnato l’Italia a sborsare 125 miliardi all’Europa senza averne nulla in ritorno.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • sergio la terza 30 novembre 2019

    Mattarele tradisce la Costituzione,il Garante non tutela il Popolo e le sue richieste (art.1)IMPEACHMENT!

  • eddie.adofol 30 novembre 2019

    Ripeto sloggiare l’inquilino del Quirinale, perché è lui insieme a Napolitano che smuovono i fili del governo. Bisogna indire un referendum e, chiedere agli ITALIANI di votare x la Repubblica o x la Monarchia, il RE ce l’abbiamo ed è Emanuele Filiberto di SAVOIA e, lui è ancora l’erede al trono di ITALIA, dobbiamo fare come la Gran Bretagna, con il RE ed un 1* Ministro e, vedremo che le cose andranno molto meglio di come stiamo oggi. PRIMA GLI ITALIANI VERACI.

  • In evidenza